DALLA COMMISSIONE UE UN NUOVO "MARCHIO" PER PRODOTTI PENSIONISTICI

DALLA COMMISSIONE UE UN NUOVO "MARCHIO" PER PRODOTTI PENSIONISTICI

BRUXELLES\ aise\ - Aiutare i consumatori a risparmiare per la pensione. Questo l’obiettivo della Commissione Europea che oggi ha proposto una nuova classe di prodotti pensionistici per consentire ai consumatori europei di avere maggiori possibilità di scelta in materia di risparmio a fini pensionistici.
La proposta – spiegano da Bruxelles – intende mettere a disposizione dei fornitori di pensioni gli strumenti per offrire un prodotto pensionistico individuale paneuropeo semplice e innovativo (PEPP). Questo nuovo tipo di pensione individuale volontaria è studiato per offrire ai risparmiatori maggiori possibilità di scelta quando risparmiano per la vecchiaia e per fornire loro prodotti più competitivi.
I PEPP avranno gli stessi elementi standard ovunque essi siano venduti nell'UE e possono essere offerti da un'ampia gamma di fornitori, come banche, imprese di assicurazione, fondi pensionistici aziendali o professionali, imprese di investimento e gestori di attivi. Essi integrano le pensioni statali, aziendali e professionali e individuali nazionali, ma non sostituiscono né armonizzano i regimi pensionistici individuali nazionali. La Commissione raccomanda oggi inoltre, per garantire il decollo dei PEPP, che gli Stati membri concedano a questo prodotto il medesimo trattamento fiscale applicato ai prodotti nazionali analoghi esistenti. I nuovi prodotti serviranno, in ultima analisi, a rafforzare il piano della Commissione per un'Unione dei mercati dei capitali, contribuendo a convogliare maggiori risparmi verso investimenti a lungo termine nell'UE.
"Il prodotto pensionistico individuale paneuropeo è una tappa fondamentale verso il completamento dell'Unione dei mercati dei capitali”, sottolinea Valdis Dombrovskis, Vicepresidente della Commissione responsabile per la Stabilità finanziaria, i servizi finanziari e l'Unione dei mercati dei capitali. “Esso ha un enorme potenziale in quanto offrirà una scelta più ampia ai risparmiatori che desiderano risparmiare per la pensione. Stimolerà la concorrenza, permettendo a più fornitori di offrire questo prodotto al di fuori dei loro rispettivi mercati nazionali. Il PEPP fungerà da marchio di qualità e sono fiducioso che permetterà anche di promuovere gli investimenti a lungo termine nei mercati dei capitali".
Per Jyrki Katainen, Vicepresidente della Commissione responsabile per l'Occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, la proposta della Commissione “è un ulteriore esempio dei vantaggi che possono derivare dall'attuazione del piano d'azione della Commissione per l'Unione dei mercati dei capitali e dal completamento del mercato unico dei capitali nell'UE. I prodotti pensionistici individuali paneuropei contribuiranno a promuovere la concorrenza tra i fornitori, concedendo ai consumatori una scelta più ampia su dove collocare i loro risparmi. Il completamento dell'Unione dei mercati dei capitali costituisce anche un elemento importante del piano di investimenti per l'Europa. Sono soddisfatto perché la presente proposta contribuirà anche a convogliare il risparmio verso gli investimenti a lungo termine, contribuendo a realizzare gli obiettivi del piano di investimenti di ammodernamento delle infrastrutture, rilancio della crescita e sostegno della creazione di posti di lavoro".
Principali benefici
Attualmente, il mercato europeo delle pensioni individuali è frammentato e discontinuo. Le offerte sono concentrate in alcuni Stati membri, mentre in altri sono quasi inesistenti. Questa differenza è legata all'esistenza di un coacervo di norme a livello dell'UE e nazionale, che ostacolano lo sviluppo di un mercato UE competitivo e di grandi dimensioni per le pensioni individuali. Il PEPP consentirà ai consumatori di integrare volontariamente i loro risparmi per la pensione, pur beneficiando di una solida protezione:
* i risparmiatori che optano per un PEPP avranno più scelta grazie all'ampia gamma di fornitori di PEPP e beneficeranno di una maggiore concorrenza.
* I consumatori beneficeranno di requisiti di informazione e norme di distribuzione rigorose, anche online. Per offrire il PEPP, i fornitori dovranno essere autorizzati dall'Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali (EIOPA).
* I PEPP garantiranno ai risparmiatori un livello elevato di protezione nell'ambito di una semplice opzione di investimento standard.
* Ogni cinque anni i risparmiatori avranno il diritto di cambiare il fornitore, sia a livello nazionale che a livello transfrontaliero, a un costo limitato.
* Il PEPP sarà trasferibile tra Stati membri, vale a dire che i risparmiatori saranno in grado di continuare a contribuire al loro PEPP quando si trasferiscono in un altro Stato membro.
Il quadro normativo che la Commissione propone oggi creerà opportunità per un'ampia gamma di fornitori nel mercato delle pensioni individuali:
* I fornitori saranno in grado di offrire PEPP in diversi Stati membri, mettere in comune le attività in maniera più efficace e realizzare economie di scala.
* I fornitori di PEPP saranno in grado di raggiungere i consumatori in tutta l'UE attraverso canali di distribuzione elettronica.
* I fornitori di PEPP e i risparmiatori avranno diverse opzioni per i pagamenti alla fine della durata di vita dei prodotti.
* I fornitori di PEPP beneficeranno di un passaporto UE per agevolare la distribuzione transfrontaliera.
La proposta di regolamento PEPP è accompagnata da una raccomandazione della Commissione sul trattamento fiscale dei prodotti pensionistici individuali, compresi i PEPP. La Commissione incoraggia gli Stati membri a riservare ai PEPP lo stesso trattamento fiscale concesso ai prodotti nazionali analoghi esistenti, anche se il PEPP non soddisfa pienamente i criteri nazionali per gli sgravi fiscali. Gli Stati membri sono inoltre invitati a scambiare le migliori pratiche concernenti la tassazione dei loro attuali prodotti pensionistici individuali, il che dovrebbe favorire la convergenza dei regimi fiscali.
Il PEPP è una delle principali misure annunciate il mese scorso nella revisione intermedia dell'Unione dei mercati dei capitali, il progetto della Commissione di creare un mercato unico dei capitali nell'UE. Il PEPP sostiene l'obiettivo dell'Unione dei mercati dei capitali, ovvero creare le giuste condizioni per liberare fondi che possano essere trasferiti dai risparmiatori europei alle imprese europee.
Attualmente, solo il 27% degli europei di età compresa tra i 25 e i 59 anni si è iscritto ad un piano pensionistico. Il PEPP contribuirebbe a liberare questo enorme potenziale e stimolerebbe gli investimenti nella nostra economia.
La proposta di regolamento della Commissione si basa sui quasi 600 contributi ricevuti nell'ambito della consultazione pubblica della Commissione sulle pensioni individuali dell'ottobre 2016. Molti rispondenti hanno affermato che l'attuale offerta di prodotti pensionistici individuali nell'UE è insufficiente. La Commissione ha anche preso in considerazione due relazioni dell'EIOPA del 2014 e del 2016 e uno studio a cura di un contraente esterno.
La proposta relativa al PEPP sarà ora discussa in sede di Parlamento europeo e di Consiglio. Una volta adottato, il regolamento entrerà in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi