A URBANO CAIRO E ANTONIO HUERTAS IL PREMIO TIEPOLO 2017

A URBANO CAIRO E ANTONIO HUERTAS IL PREMIO TIEPOLO 2017

MADRID\ aise\ - Il Premio Tiepolo 2017 è stato assegnato a Urbano Cairo, presidente di Cairo Communication e presidente e amministratore delegato di RCS MediaGroup, e Antonio Huertas, presidente di Mapfre.
Questo riconoscimento, conferito dalla Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna e la Confederación Española de Organizaciones Empresariales (CEOE), verrà consegnato a Roma, il prossimo 2 ottobre, nella splendida cornice di Villa Madama, sede istituzionale del Ministero degli Esteri. Si tratta di un evento particolarmente rilevante nella storia del Premio Tiepolo, che per la prima volta dal 1996, anno della sua prima edizione, travalica i confini spagnoli per approdare in Italia.
La cerimonia di consegna si terrà nell’ambito del XV Foro di Dialogo Italia-Spagna e vedrá l’intervento del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale italiano Angelino Alfano e del suo omologo spagnolo, Alfonso Dastis.
Sin dal 1999 il Foro di Dialogo Italia-Spagna riunisce, con cadenza pressoché annuale, esponenti di spicco della politica, dell’imprenditoria e della società civile dei due Paesi, con l’obiettivo di accompagnare e rafforzare il dialogo tra i due Governi. In tal senso la consegna, per la prima volta, del Premio Tiepolo nella cornice del Foro e da parte dei Ministri degli Esteri dei due Paesi rappresenta il riconoscimento del ruolo promotore delle due comunità imprenditoriali a sostegno di relazioni bilaterali sempre più profonde.
Premiando Cairo e Huertas, sottolinea la CCIS, “si è voluto riconoscere la traiettoria professionale di due personalità che, con il loro impegno, hanno contribuito a potenziare le relazioni economiche tra Italia e Spagna e a diffondere l’immagine di entrambi i paesi nel mondo”.
Le motivazioni.
Urbano Cairo, figura determinante nel mondo dell’editoria multimediale in Italia e in Spagna
Urbano Cairo (Milano, 1957) è presidente e fondatore di Cairo Communication, gruppo che opera nel settore della comunicazione in qualità di editore televisivo, di periodici e di libri, e come concessionaria per la vendita di spazi pubblicitari su diversi mezzi.
Dall’agosto 2016, è presidente e amministratore delegato di RCS MediaGroup, uno dei principali gruppi editoriali multimediali a livello internazionale, dopo averne acquisito il controllo (59,7%) per mezzo di un’offerta pubblica di acquisto e scambio volontaria totalitaria, che valuta complessivamente il gruppo oltre 500 milioni di euro.
RCS MediaGroup è attiva in tutti i settori dell’editoria, dai quotidiani ai periodici, dalla tv ai new media, oltre ad essere tra i principali operatori nel mercato della raccolta pubblicitaria e a organizzare eventi iconici e format sportivi di primaria importanza, come il Giro d’Italia.
Con un fatturato generato per oltre il 30% dalle attività estere, il Gruppo - quotato alla Borsa Italiana - è significativamente presente in Spagna, essendo proprietario di Unidad Editorial, gruppo di comunicazione multimediale leader nell’editoria quotidiana e periodica.
Il Gruppo RCS pubblica i quotidiani Corriere della Sera, La Gazzetta dello Sport, El Mundo, Marca e Expansion, e i periodici Oggi, Amica, Io Donna, Living, Style Magazine, Dove, Abitare, Sette, Sport Week, Telva, Yo Dona, Papel, Marca Motor, Fuera de Serie, Metropoli e Actualidad Economica.
Laureato in Economia e Commercio all’Università Bocconi di Milano, Cairo ha iniziato la sua carriera nel 1981 nel Gruppo Fininvest e a seguire in Publitalia ’80, di cui è diventato vicedirettore generale. Nel 1991 è diventato Amministratore Delegato di Mondadori Pubblicità. Nel 1995 ha fondato Cairo Pubblicità S.p.A., concessionaria di pubblicità che ha iniziato la sua attività con la concessione di alcuni periodici RCS e negli anni successivi è stato artefice di una serie di acquisizioni che hanno portato il gruppo ad espandere e diversificare la propria attività, operando con successo nell’ambito della Pay TV, l’edizione di periodici e libri e il web.
Nel luglio 2000 è entrato in Borsa con la quotazione di Cairo Communication, raccogliendo le risorse che gli hanno consentito di cogliere ulteriori opportunità di sviluppo, sia nel settore dell’editoria che in quello del mercato pubblicitario italiano. Nel 2003 ha fondato Cairo Editore, che nel giro di pochi anni è diventato il primo editore di settimanali in Italia per copie vendute con il 30% di quota di mercato. Negli stessi anni ha gestito in esclusiva la raccolta pubblicitaria su una delle principali emittenti televisive commerciali italiane, La7, che successivamente ha acquisito nel 2013 entrando in questo modo nell’editoria televisiva e ampliando notevolmente la sua offerta integrata.
Urbano Cairo è membro del Comitato di Presidenza FIEG e del Consiglio Generale di Confindustria Radio Televisioni; è Consigliere in Lega Nazionale Professionisti Serie A. Dal 2005 è presidente della società calcistica di Serie A Torino FC S.p.A.
Antonio Huertas, uno dei principali promotori del consolidamento internazionale di Mapfre e della sua espansione nel mercato italiano.
Antonio Huertas (Villanueva de la Serena, Badajoz, 1964), è presidente di MAPFRE S.A., compagna di riferimento nel mercato assicurativo spagnolo, con presenza in oltre 100 paesi, 37.000 dipendenti in tutto il mondo, più di 4.500 uffici e quasi 80.000 intermediari.
Più di due terzi del fatturato del gruppo è generato all’estero, a conferma della decisa scommessa sull’internazionalizzazione. MAPFRE è il primo gruppo di assicurazioni multinazionale in America Latina, regione in cui è presente da oltre 30 anni con più di 18.000 dipendenti e un fatturato che corrisponde ad un terzo del volume d’affari globale. È inoltre presente in Europa e negli Stati Uniti e da alcuni anni ha intrapreso un processo di crescita in Asia.
L’Italia rappresenta un mercato di importanza strategica per la compagnia. Da quando, nel 1988, MAPFRE RE ha aperto un ufficio di rappresentanza a Milano, la sua presenza nel paese non ha fatto che crescere. Nel 2002 è approdata MAPFRE ASISTENCIA e nel 2011 ha cominciato a gestire grandi clienti corporativi attraverso GLOBAL RISK. Huertas è stato l’artefice del grande processo di espansione della compagnia nel mercato italiano, con l’acquisto, nel 2015, di Direct Line, cghe ha permesso alla compagnia di raggiungere una posizione particolarmente rilevante nel segmento dell’assicurazione diretta. Con questa operazione MAPFRE ha registrato una crescita importante non solo in Italia, ma anche in Europa, rafforzando anche il suo compromesso con la trasformazione digitale, una sfida di primaria importanza per la compagnia.
Laureato in Giurisprudenza all’Università di Salamanca, Antonio Huertas è entrato a far parte di MAPFRE nel 1988. Dopo aver occupato differenti incarichi, tra cui quello di Direttore Regionale dell’Area Automobili, nel 1998 Antonio Huertas ha iniziato il suo cammino internazionale all’interno del gruppo, che è culminato nel 2000 con la Presidenza e massima responsabilità esecutiva di MAPFRE PUERTO RICO.
Dopo il suo rientro alla sede centrale del Gruppo a Madrid nel 2004, Huertas ha ricoperto diversi incarichi dirigenziali fino alla sua elezione, nel 2011, a Terzo Vicepresidente del Consiglio di Amministrazione e, nel marzo dell’anno successivo, a Presidente di MAPFRE S.A.. Inoltre, a partire da aprile 2012 fino a gennaio 2014, è stato massimo responsabile delle Divisioni Internazionali di MAPFRE. Da febbraio 2014, è anche Presidente della FUNDACIÓN MAPFRE.
Durante la sua carriera professionale, Antonio Huertas ha partecipato allo sviluppo di progetti tecnologici di alto livello e ciò gli ha permesso di conoscere a fondo il mondo della tecnologia applicata all’impresa. Inoltre, ha guidato la trasformazione di una delle reti commerciali più importanti al mondo nel settore finanziario, come quella di MAPFRE. Questo elmento, unito alle sue molteplici esperienze in posti dirigenziali di massima responsabilità, ha contribuito a fornirgli una visione privilegiata di tutti i diversi ambiti che compongono la gestione imprenditoriale.
Huertas è anche Membro del Consejo Empresarial de la Competitividad, dal fabbrario 2012, della Fundación Carolina e della Fundación Pro CNIC. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi