L’ITALIA ALLA FIERA LAAD - DEFENSE & SECURITY – DI RIO DE JANEIRO

L’ITALIA ALLA FIERA LAAD - DEFENSE & SECURITY – DI RIO DE JANEIRO

RIO DE JANEIRO\ aise\ - Dal 4 al 7 aprile prossimi si svolgerà a Rio de Janeiro, presso il Centro Fieristico “Riocentro”, la Fiera “LAAD Defense & Security”, a cui l’Italia parteciperà con un qualificato drappello di imprese specializzate e garantirà l’appoggio governativo il Sottosegretario di Stato alla Difesa Gioacchino Alfano.
 La partecipazione commerciale prevede una collettiva organizzata dall’ICE in collaborazione con l’AIAD – Federazione Aziende Italiane per l’Aerospazio, la Difesa e la Sicurezza.
Il padiglione organizzato dall’ICE – anticipa l’Ambasciata – raccoglierà la rappresentanza di quattro importanti aziende italiane (Explorer Cases by GT-Line, Gem Elettronica, Imear e Sigma Consulting), nonché di AIAD e MOD – Direzione agli Armamenti della Difesa Italiana. Saranno altresì presenti alla fiera, con padiglioni separati, altre grandi aziende italiane, tra cui Iveco, Leonardo, Cristanini, Beretta e Fincantieri.
Il Sottosegretario Alfano, che sarà presente alla Fiera alla guida di una delegazione della Difesa, terrà una serie di incontri sia con le più alte cariche dello Stato brasiliano, a cominciare dal Ministro della Difesa Raul Jungmann, che con una serie di interlocutori per supportare la produzione delle aziende italiane.
La LAAD rappresenta infatti il più prestigioso appuntamento fieristico dell’America Latina rivolto al comparto aerospaziale ed ai sistemi di difesa Tri-Service. Giunta alla decima edizione, la manifestazione, che ha cadenza biennale, conta sulla partecipazione di oltre 600 espositori, 30 padiglioni nazionali e 195 delegazioni ufficiali provenienti da 85 paesi. Su un’area espositiva di poco superiore a 28.000 m², l’evento riceverà un pubblico stimato di 37 mila persone.
Al momento, il Brasile è un importatore netto di armamenti ed attrezzature per l’aerospazio e difesa, anche se la strategia del Governo punta a sviluppare le capacità di produzione locale. L’Italia figura tra i principali partner del Brasile nel settore e nel campo della componentistica per le attrezzature aerospaziali, tanto che nel 2016 il Paese sudamericano ha realizzato importazioni dal nostro Paese per un valore di circa 50 milioni di dollari.
La partecipazione alla LAAD scaturisce quindi dalle opportunità che il mercato sudamericano offre ai produttori del settore aerospaziale ed ha come obiettivo primario l’incremento delle esportazioni di prodotti italiani verso tutta l’area e la negoziazione di accordi di distribuzione ed in campo tecnologico. Infatti, con una popolazione globale di 450 milioni di abitanti, di cui più di un milione allocato nelle forze armate, il mercato sudamericano offre buone possibilità di business a medio e lungo termine per i produttori del settore aerospaziale e della difesa, ed il Brasile si pone come Hub di riferimento sul continente.
Il Brasile, infatti, dispone di uno dei più elevati budget governativi di tutta l’America Latina destinato allo sviluppo del settore nel 2017, pari all’1,5% del PIL, ovvero, 94 miliardi di Reais (circa 31 miliardi di dollari), di cui 6,48 miliardi di Reais nella realizzazione di un articolato programma di investimenti che prevede, tra altro, l’acquisto di 50 elicotteri che verranno utilizzati nelle tre forze armate, lo sviluppo di veicoli da combattimento, lo sviluppo ed acquisto del velivolo KC-X (capace di trasportare fino a 23 tonnellate), nonché della generazione di caccia militari Gripen (28 unità monoplace e 8 unità biplace, le cui prime unità verranno consegnate nel 2019 e le ultime nel 2024). (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi