RIPENSARE GLI ITALIANI ALL'ESTERO: IL SOFT POWER DELL'ITALIA – DI ANNA MAHJAR-BARDUCCI

RIPENSARE GLI ITALIANI ALL

WASHINGTON\ aise\ - Il politologo americano Joseph S. Nye ha definito il "soft power" come "il potere di seduzione che uno Stato esercita sugli altri". Nel caso dell'Italia, il proprio prestigio culturale la avvantaggia nel suo potenziale di attrazione, ma - da solo - non è sufficiente. Per dare risultati, il soft power deve essere promosso all'estero, affinché altre nazioni subiscano il fascino di un diverso Paese. In un momento in cui l'influenza dell'Italia in politica internazionale è minima, il soft power diventa uno strumento per sviluppare il suo status, una presenza a livello mondiale e una public diplomacy funzionante, oltre a un supporto internazionale.
Gli italiani all'estero iscritti all'AIRE sono 5 milioni, ma gli italiani nel mondo sarebbero addirittura 75 milioni. Questi italiani sono persone che, nonostante vivano da anni all'estero, hanno bisogno di rimanere in contatto con l'Italia, con la lingua italiana e la sua cultura. In molti casi, questa emigrazione italiana ha creato, nei luoghi di residenza, associazioni volontarie per la promozione della cultura e della lingua italiana, ha aperto testate giornalistiche e luoghi di ristorazione.
Per fare alcuni esempi tangibili: a Washington D.C. l'associazione Italians in D.C., lanciata dall'italo-bosniaco Ivan Butina, ha come missione "educare alla cultura italiana contemporanea". Negli anni, l'associazione ha organizzato conferenze su temi socio-economici italiani con la Johns Hopkins e presentazioni di libri di autori italiani. A New York, vicino agli uffici delle Nazioni Unite, si trova la sede della Voce di New York, un quotidiano indipendente online bilingue italiano-inglese, che promuove la cultura italiana. A Tunisi è ancora pubblicato il quindicinale di lingua italiana Il Corriere di Tunisi, il cui primo numero venne dato alle stampe nel 1869. I luoghi di ristorazione italiana aperti da espatriati nel mondo sono inoltre impossibili da elencare, dato il loro numero cospicuo. Passando da ristoranti di successo a NY come "Nello" sulla Madison Avenue, alla gelateria "I 3 italiani" a Hong Kong aperta da tre imprenditori molisani, ai nuovi ristoranti di cucina italiana a Tirana.
Questi sono soltanto alcuni esempi delle attività in cui gli italiani all'estero sono impegnati, senza alcun riconoscimento da parte delle istituzioni italiane.
Altri Paesi, come gli Stati Uniti e la Francia, investono nel proprio soft power all'estero. In quasi tutte le capitali mondiali, si trovano scuole internazionali americane e francesi. La Francia ha lanciato l'emittente France 24 in varie lingue come inglese e arabo, per promuovere la propria cultura, moda e le proprie politiche internazionali. Gli Stati Uniti investono annualmente centinaia di milioni di dollari in piattaforme mediatiche come Voice of America e Radio Free Europe. La Francia inoltre promuove eventi nel quadro della francofonia, che coinvolgono Paesi africani, europei ed il Canada. L'Italia però non possiede né il peso politico di Stati Uniti e Francia né le capacità economiche per introdursi culturalmente e politicamente nei Paesi esteri.
Gli espatriati italiani, pertanto, sono l'unico viatico per il soft power dell'Italia. Sono loro gli ambasciatori, che danno impulso all'italian style nel mondo con le loro attività imprenditoriali e associative. E sono sempre loro che sostengono la penetrazione culturale italiana, favorendo la richiesta del Made in Italy all'estero, che coincide con l'export di beni e servizi.
Le istituzioni italiane però sono assenti e sembrano non riconoscere il ruolo degli italiani all'estero. L'Italia dovrebbe favorire e creare network con i propri connazionali nel mondo, in modo tale che il proprio soft power diventi più efficace e organizzato. Di fatto, però, i programmi politici elettorali dei partiti in Italia mostrano che questa forza a livello internazionale non è tenuta in conto, facendo sentire gli espatriati dei cittadini di serie B. In realtà – senza alcuna retorica – gli italiani all'estero potrebbero invece rappresentare la rinascita culturale dell'Italia. (anna mahjar barducci*\aise)
* presidente Expats Italiani Sede Gerusalemme-Washington D.C. 

Rassegna Stampa
 Visualizza tutti gli articoli
Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli