L’AICS PREMIA I VINCITORI DI A.MI.CO AWARD 2018 PER PROMUOVERE LE DIASPORE E IL CO-SVILUPPO

L’AICS PREMIA I VINCITORI DI A.MI.CO AWARD 2018 PER PROMUOVERE LE DIASPORE E IL CO-SVILUPPO

ROMA\ aise\ – Si è svolta il 10 luglio scorso, presso la sede italiana dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, la cerimonia di premiazione del premio A.MI.CO. Award 2018 dedicato ad associazioni di migranti con base in Italia, per sostenere la realizzazione di progetti di sviluppo nei loro Paesi di origine.
Il premio è finanziato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo e si pone a conclusione del percorso di formazione A.MI.CO. – Associazioni Migranti per il CO-sviluppo, implementato dal 2011.
Attraverso il percorso formativo, aperto alla partecipazione di membri delle associazioni migranti presenti sul territorio italiano, si vogliono raggiungere diversi obiettivi: il miglioramento delle competenze delle associazioni in termini di organizzazione, progettazione e sviluppo di attività di cooperazione internazionale allo sviluppo e la possibilità di realizzare partenariati e di fare rete tra le associazioni stesse, in vista della realizzazione di attività di cooperazione.
L’iniziativa A.MI.CO. Award si pone quindi come ulteriore strumento di empowerment al fine di sostenere la crescita e il rafforzamento delle associazioni di migranti in Italia, riconoscendone il loro ruolo di agenti di sviluppo, come previsto dalla legge 125/2014.
La seconda edizione del premio ha visto la selezione delle sei migliori proposte progettuali tra le 16 proposte ricevute. Tutte le associazioni candidate hanno partecipato all’edizione 2018 del Corso di formazione A.MI.CO.
Ecco la lista dei progetti premiati: Ipartecipate in Albania con Tale – Teatro sociale come strumento di promozione della partecipazione attiva nella regione di Lezha; Life and Life in Bangladesh con Pink Project – Nutrizione, salute e sicurezza alimentare per le donne in età fertile; Mondopopoli in Senegal con Mani in pasta – Formazione alla panificazione per migliorare le condizioni di vita dei giovani a rischio a Dakar; Sonrisas Andinas in Perù con E.V.A.S. – Ellas Vuelven a Sonar: ricostruiamo infanzie spezzate per il diritto di tornare a sognare nel distretto di Lurìn (Lima); Sopra i Ponti in Marocco con Doppia Presenza – Migranti protagonisti con il turismo responsabile; e Tetezana in Madagascar con Sostegno a Distanza – Riabilitazione di un edificio per ospitare i ragazzi del SaD di Alasora. (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi