CARUSO (ICP) INCONTRA LA COMUNITÀ DI MIRABELLESI RESIDENTI IN GERMANIA

CARUSO (ICP) INCONTRA LA COMUNITÀ DI MIRABELLESI RESIDENTI IN GERMANIA

CATANIA\ aise\ - Imu, iscrizione all’Aire e rapporti fiscali con la Germania. Sono stati gli argomenti principali al centro dell’incontro che si è svolto nel pomeriggio di martedì a Mirabella Imbaccari, in provincia di Catania, tra i mirabellesi residenti in Germania e l’onorevole Mario Caruso, presidente di Italia Civile Popolare ed eletto alla Camera nella circoscrizione estero, ripartizione Europa.
L’incontro, che si è tenuto nella sala consiliare, è stato introdotto dai saluti del sindaco Giovanni Ferro e dell’assessore Giuseppe Siciliano ed ha visto la partecipazione di Giuseppe Barbuscia, rappresentante della comunità mirabellesi nel mondo, e di oltre 150 cittadini.
“La comunità di Mirabella in Baccari rappresenta un punto di riferimento importante per gli italiani residenti all’estero, in particolare in Germania”, ha spiegato l’onorevole Caruso. “Basti pensare che, degli oltre 12mila abitanti ufficiali del Comune, circa 6mila sono iscritti all’Aire e, di questi, la maggior parte vive proprio nel territorio tedesco, nella regione del Baden Wuttenberg dove anche io risiedo da oltre quarant’anni”.
“Ho raccolto le istanze dei nostri connazionali, i quali continuano a denunciare le cifre eccessive che sono costretti a pagare a causa dell’Imu sull’abitazione italiana, considerata come seconda casa”, ha proseguito il deputato. “Gli italiani che, pur essendo partiti anni fa, continuano a mantenere una propria abitazione nella madre patria, rappresentano un valore aggiunto e una risorsa per l’Italia. Non è corretto vessarli con tasse spropositate, considerando inoltre i tanti sacrifici affrontati per arrivare ad acquistare quella casa che, per loro, incarna un legame affettivo con la propria terra di origine. Proprio i nostri connazionali hanno più volte espresso l'esigenza di sentire maggiore rispetto e tutela della dignità nei confronti di chi come loro, tanti anni fa, è partito senza mai dimenticare l'Italia e approfittando di ogni occasione per tornare”.
“L'Aire e l'iscrizione all'anagrafe per gli italiani residenti all'estero rappresenta un grande traguardo”, ha aggiunto il deputato, “giunto dopo un lungo lavoro di affermazione dell'importanza di riconoscere agli italiani nel mondo il diritto ad essere rappresentati. L'iscrizione all'Aire ha posto i connazionali all'estero sullo stesso piano di quelli in Italia ed è giusto ricordare sempre il valore di questo strumento e difenderlo dagli attacchi gratuiti”.
“È stato un incontro estremamente stimolante”, ha concluso Caruso, “che mi ha dato la possibilità di approfondire ulteriormente la conoscenza di questa comunità, offrendomi la rara opportunità di confrontarmi qui in Sicilia con persone che condividono sia il mio paese di residenza che la mia regione di origine”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi