LEGGE ELETTORALE/ GIACOBBE (PD) PRESENTA UN EMENDAMENTO A TUTELA DELLA CIRCOSCRIZIONE ESTERO

LEGGE ELETTORALE/ GIACOBBE (PD) PRESENTA UN EMENDAMENTO A TUTELA DELLA CIRCOSCRIZIONE ESTERO

ROMA\ aise\ - Dopo il passaggio della legge elettorale alla Camera, nei prossimi giorni se ne discuterà in Senato. E il senatore PD eletto in Australia, Francesco Giacobbe, annuncia di aver "presentato un emendamento soppressivo della norma introdotta alla Camera", perché "la Circoscrizione estero deve mantenere il suo principio fondamentale e cioè la residenza all'estero per potere essere candidati".
"La norma approvata contraddice le ragioni storiche, morali, economiche e culturali che hanno portato all'introduzione della circoscrizione estero", spiega Giacobbe. "In più", aggiunge, "la norma per cui gli elettori che ricoprono o che hanno ricoperto nei cinque anni precedenti la data delle elezioni cariche di Governo o cariche politiche elettive a qualsiasi livello o incarichi nella magistratura o nelle Forze armate in uno stato estero non possono essere candidati non fa che aumentare delle polemiche del tutto infondate".
"In Italia abbiamo bisogno di una nuova legge elettorale", continua il senatore Giacobbe, per il quale "questa legge rappresenta un significativo passo in avanti rispetto al passato, introducendo un chiaro principio di rappresentanza territoriale degli eletti. Principio che si applicava in pieno nella circoscrizione estero e che oggi rischiamo di perdere", sottolinea.
Per Giacobbe "si è forse persa l'occasione per aprire una discussione profonda sul valore del voto all'estero e, magari, provare ad aggiustare talune storture cha hanno portato negli anni a polemiche inutili. Invece", conclude, "ci siamo trovati davanti una norma che non fa altro che esasperare gli animi". (aise) 

Rassegna Stampa
 Visualizza tutti gli articoli
Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli