TERREMOTO A ISCHIA: L'IMPEGNO DELLA DIFESA

TERREMOTO A ISCHIA: L

ROMA\ aise\ - Il Ministero della Difesa, in coordinamento con la Presidenza del Consiglio, ha messo a disposizione della Protezione Civile, nel corso della notte, personale, mezzi e assetti tecnici per i primi interventi di supporto alla popolazione ischitana colpita dal sisma.
In particolare, riporta il Ministero, dopo una prima ricognizione alle ore 23.00 da parte di personale militare presente sul posto e a seguito della riunione del Comitato Operativo presso la Protezione Civile, già dall’una di questa notte, alcuni elicotteri dell’Aeronautica Militare e dell’Esercito sono impiegati per il trasporto sull’isola di personale specialistico dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile, nonché di materiali speciali e attrezzature varie.
Nel frattempo, sono stati posti in prontezza anche militari, elicotteri e navi della Marina Militare, nonché personale specialistico del genio dell’Esercito, in grado di intervenire nell’arco di poche ore, laddove fossero richiesti.
Il personale dell'Arma dei Carabinieri, capillarmente presente sul territorio, è intervenuto nell'immediatezza dell'evento con il locale personale.
Inoltre, nella mattinata di oggi si sono svolte attività di ricognizione aerea da parte di velivoli AMX e di un Predator dell’Aeronautica Militare per mettere a disposizione della Protezione Civile ulteriori informazioni al fine di elaborare una migliore valutazione dei danni e una mappatura dell’area.
Tecnologie e mezzi delle Forze Armate – ricorda la Difesa – sono impiegabili sia per scopi militari che civili. Tale capacità di fornire un servizio utile per la collettività nazionale – la cosiddetta "dual use" – si concretizza in attività in concorso e a supporto degli interventi della Protezione Civile, come dimostra anche l’impegno ininterrotto delle Forze Armate, da agosto dello scorso anno, nelle zone colpite dal terremoto in centro Italia. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi