“DIPENDE DA COME MI ABBRACCI”: A CAGLIARI IL 12° FESTIVAL TUTTESTORIE DI LETTERATURA PER RAGAZZI

“DIPENDE DA COME MI ABBRACCI”: A CAGLIARI IL 12° FESTIVAL TUTTESTORIE DI LETTERATURA PER RAGAZZI

CAGLIARI\ aise\ - Il 12° Festival Tuttestorie di Letteratura per Ragazzi Dipende da come mi abbracci. Racconti, visioni e libri sui Legami che ci fanno noi” si svolgerà dal 5 all’8 ottobre a Cagliari (anteprima il 4 ottobre) e sino al 13 ottobre ad Assemini, Carbonia, Decimomannu, Decimoputzu, Elmas, Gonnesa, Iglesias, Isili, Posada, Ruinas, Sanluri, Siliqua, Sinnai, Vallermosa, Villacidro, Villasor, Villaspeciosa.
Ideato e organizzato dalla Libreria per Ragazzi Tuttestorie e progettato in collaborazione con lo scrittore Bruno Tognolini, sarà dedicato al tema dei “Legami”. Legami di affetto, amicizia, devozione. Legami fra le persone, le persone e le cose, le persone e gli animali. Legami e tagliatori di legami: abbandoni, migrazioni, morte. Legami che ci cambiano. Legami fra lettori e libri. Legami fra libri. Legami fra un festival di libri e i suoi lettori. Un telaio di fili umani, visibili e invisibili, fra letteratura, arte e vita con cui abbiamo costruito dodici anni di festival.
L’edizione 2017, che ha ottenuto la Effe Label, marchio di qualità riconosciuto ai principali festival europei e il patrocinio nazionale dell’Unicef, di Nati per Leggere e del Centro per la Salute del Bambino, si svolgerà a Cagliari fra l’EXMA, la Mediateca del Mediterraneo, il Teatro Massimo, il Cinema Odissea, la Biblioteca Comunale di Pirri, la Libreria per Ragazzi Tuttestorie e gli Ospedali Microcitemico e Brotzu, mentre negli altri comuni verrà ospitato fra biblioteche e scuole.
Inserito nella rete 10 Nodi, il programma prevede circa 350 appuntamenti, rivolti ai bambini e ragazzi da 0 a 16 anni e adulti curiosi, con più di 90 ospiti fra scrittori, illustratori, artisti, narratori, musicisti, attori, danzatori, scienziati, musicisti, giornalisti, protagonisti di incontri, laboratori, spettacoli, narrazioni, performance, mostre, proiezioni cinematografiche ed eventi speciali, in un intreccio fra diverse forme d’arte e discipline.
Fra gli ospiti ci saranno alcuni fra i più importanti autori (scrittori e illustratori) per ragazzi di livello nazionale e internazionale: Marie-Aude Murail, fra le voci più intense della letteratura contemporanea per ragazzi che presenterà in anteprima nazionale il suo nuovo romanzo La figlia del Dottor Baudoin (in uscita il 13 ottobre con Camelozampa), Sjoerd Kuyper, autore pluripremiato in Olanda, una scoperta per il pubblico italiano con il romanzo Hotel Grande A, lo scrittore Vincent Cuvellier, uno dei più importanti scrittori francesi per ragazzi, conosciuto al pubblico italiano grazie ai libri con caratteri “ad alta leggibilità” della Biancoenero edizioni.
Spazio all’illustrazione con la disegnatrice canadese Marianne Dubuc, per la prima volta in Italia, con Pam Smy, che arriverà al festival in contemporanea con l’uscita di Thornhill (Uovonero) grande prova di narrazione fra parole e immagini in un dichiarato omaggio a Brian Selznick, con Sonia Marchegiani, che illustra con grande sapienza il racconto dell’artista sarda Maria Lai Il campanellino d’argento (Topipittori), e Mariachiara Di Giorgio (le due saranno protagonista di una mostra di illustrazioni originali e di un workshop per adulti), autrice del pluripremiato silent book Professone Coccodrillo, con i fumetti della tedesca Sophia Martineck e di Sualzo, con Riccardo Francaviglia, Margherita Sgarlata, Giorgia Atzeni, Eva Rasano e gli illustratori della collettiva di aquiloni d’artista Slègami.
Il 6 e il 7 ottobre, a Cagliari e alla Fondazione Giuseppe Dessì (Villacidro) due incontri saranno dedicati a Don Milani a 50 anni dalla sua morte e dalla pubblicazione di Lettera a una professoressa: a raccontare la scuola di Barbiana e l’attualità di quell’esperienza saranno il direttore di Radio3 Marino Sinibaldi con Franco Lorenzoni, Fabrizio Silei e Andrea Schiavon.
E poi “rime migranti” plurilingue con Bruno Tognolini, Mamadou Mbengue e il pubblico presente, Il cielo è di tutti, laboratorio sulle radici che ci rendono forti, con Chiara Lorenzoni e la collaborazione di Amnesty Internazional, mentre un incontro con il Presidente nazionale dell’Unicef, GiacomoGuerrera, e il magistrato Anna Cau, affronterà il tema dei minori non accompagnati e della nuova legge sul tutore volontario a partire dai libri di Francesco D’Adamo, Alberto Melis e Zita Dazzi.
Vietato non sfogliare, sarà un laboratorio e una mostra di libri accessibili, a cura di Area Onlus, per bambini con necessità speciali e libri per l’infanzia dedicati al tema della disabilità. Sarà l’occasione per scoprire libri tattili con traduzione in Braille, libri in Lingua Italiana dei Segni, libri ad alta leggibilità, libri in simboli, audiolibri, libri senza parole e storie capaci di raccontare la disabilità in modo originale e appassionante. Un incontro con Elena Corniglia (Area Onlus), Sante Bandirali (editore di Uovonero) e la maestra Roberta Passoni affronterà il tema dell’inclusione attraverso i libri.
Altro tema molto sentito dal pubblico di insegnanti e genitori è quello del cyberbullismo: ne parleranno lo psicoterapeuta e scrittore Luigi Ballerini, con l’autrice Luisa Mattia a partire dal libro Deve sempre esserci un poi. Uscire dal bullismo.
Notizie di legami curiosi e insoliti dal mondo animale con l’etologo Papik Genovesi, coautore con Sandro Natalini di Storie Bestiali (Editoriale Scienza). Numerosi gli altri scrittori e illustratori italiani: per il pubblico adolescente Fabio Geda, Wu Ming 4, Daniele Aristarco, Elena Kedros e Silvia Vecchini. Per i bambini Nicoletta Gramantieri, Annalisa Strada, Pino Pace, Andrea Valente, Carlo Carzan, Alice Keller, e Livy Former. Laboratori con l’Associazione 0432, il Palazzo delle Esposizioni di Roma, la Cineteca di Bologna, il Collettivo QB, Lughenè, Tecnoscienza, Francesca Amat e Manuel Consigli, La Tana di Lunamoonda, Francesca Cara, Simone Perra, Bel e Zebù, Carla Ximenes e Giulia Zucca, Cooperativa Scila, Vittoria Negro, i bibliotecari del sistema Sarcidano/Barbagia di Seulo e Iglesias e narrazioni con Sonia Basilico e Giancarlo Biffi e letture a cura di Nati per Leggere.
PRODUZIONI ORIGINALI SUL TEMA DEI LEGAMI
* COME TI BATTE FORTE IL MIO CUORE. Storie in gioco per tessere legami è la nuova mostra interattiva prodotta dal Festival Tuttestorie, in collaborazione con il Consorzio Camù, e curata dal collettivo (e/o)2 (Emanuele Ortu e Evelise Obinu): un percorso fra installazioni, mostre, attività ludiche e narrative, dedicato ai libri e alla loro capacità di cucire relazioni (vedi scheda mostra). Due le novità di quest’anno: la mostra resterà allestita sino al 31 dicembre e verrà inserita, con una declinazione più scientifica, nel programma del Festival Scienza.
* CANTO DEI LEGAMI Come ogni anno il festival produrrà la sua colonna sonora originale con le musiche di Antonello Murgia e i testi di Bruno Tognolini. Il 2017 sarà il Canto dei Legami, affidato alla voce di Tiziana Pani. Nella serata di apertura VOCI DI TUTTI LEGATE NEL CANTO una serata di Canti di Tuttestorie, con il ritorno di Fabio Marceddu, ma stavolta cantati con tutto il pubblico, in un concerto condiviso, un gran “cuncordu” a cinquecento voci davanti a uno schermo in cui si legge il testo.
* TESSIMI UN MANTO DI LIBRI E DI GIORNI. Rito pubblico di Tessitura Bambina (festa finale). L’isola sarda è terra di telai, i suoi artisti lo sanno. E come potevamo ignorarlo noi, che quest’anno parliamo di Legami? Una squadra di Bambini Tessitori, attorniati da due Janas Aiutanti, Donatella cabras e Monica Serra, tessono insieme una tela colorata con la regia di Catia Castagna su un progetto di Teladoiolatela. Perché sono i bambini che intrecciano oggi i Legami che vestiranno il domani. Ordito e trama, Fili dei Libri e Fili dei Giorni, presentati da Voci Narranti (Lia Careddu, Andrea Serra e i bambini) e un tappeto sonoro di Arrogalla, su un testo scritto a quattro mani da Bruno Tognolini e Giusi Quarenghi. E alla fine, ad annodare il manto nell’epilogo, dalla voce di Zia Paolina, centenaria di Osilo, che ci ricorda: “Ogni cosa è legata a ogni altra cosa…”.
* SE I LEGAMI SI VEDESSERO CON GLI OCCHI Installazione a cura di Revolver. I legami invisibili fra i libri e i loro lettori, e fra un festival di libri e la sua città: questo, di farli vedere con gli occhi, è il compito che abbiamo proposto agli architetti artisti del Revolvèr Lab. Che l’hanno preso alla lettera, come si vedrà alzando gli occhi al cielo nei quattro giorni del Festival.
* LEGÀMI E SLEGÀMI. Storie che tengono e lasciano andare Un incontro con Bruno Tognolini, Giusi Quarenghi e Nicoletta Gramantieri (bibliotecaria direttrice di Sala Borsa Ragazzi al suo debutto come scrittrice) in cui allargare e approfondire il tema dell’anno. Storie che aiutano a stringere legami e storie che aiutano a scioglierli, quando occorre. Un’ora insieme per tirare le fila: che aiuto viene da libri e storie nel compito umano di fare comunità, e come possiamo dirlo in una festa.
* UFFICIO POETICO DEGLI ABBRACCI a cura di Andrea Serra e Valentina Sanjust, che raccoglierà i pensieri di bambini e ragazzi prima e durante il festival, e come da tradizione, li pubblicherà in panni stesi per tutto il Festival.
* DOCTOR HUG Incursioni dell’abbracciatore esperto mimo Giovanni, pluridecorato pluripremiato plurispecializzato in abbracci speciali
* TUTTO È CONNESSO Realizzate il Codex Omnes Stories, a cura di Carlo Carzan: un gioco per esplorare l’EXMA alla ricerca di tutte le connessioni possibili, come dei novelli Leonardo Da Vinci
* SEI GRADI, installazione a cura di Radio X e Emanuele Ortu. Che rapporto intercorre tra un film dell'orrore e una canzone rock? E tra la musica hip-hop e una storia fantasy? Il gioco potrebbe andare all'infinito.
* S-LEGARE LEGAMI, avventure e scoperte per sbrogliare e tessere trame a cura dei ragazzi di Generazione ArCoEs.
TEATRO, DANZA, MUSICA
Con grande attesa da parte del pubblico, debutta al festival Filastrocche’n’roll 3, concerto con Renzo Cugis, Gianfranco Liori e l’Armeria dei Pirati. In anteprima la nuova produzione di Scarlattine Teatro Dall’altra parte, con la drammaturgia di Giusi Quarenghi. Per i piccolissimi l’installazione sensoriale Di tanta in tana di Nuvoleintasca. Si ripete la collaborazione fra Tuttestorie, SpazioDanza e Sardegna Teatro, nata all’interno del Progetto “10 NODI. Il festival dei festival d’autunno a Cagliari”. Partnership da cui nasce la proposta di tre spettacoli: Il colore Rosa di Aline Nari (13 ottobre), Pop Up, un fossile di cartone animato di Teatri di Sabbia/Teatro delle Briciole (20 ottobre), Buchettino della Socìetas Raffaello Sanzio (dal 15 al 18 novembre). Tutti armati di tamburi, pentole e secchi per Drum Circus, concerto collettivo di percussioni con incursioni circensi di Adoliere e Ditta Vigliacci e la regia di Catia Castagna.
CINEMA
Fra le nuove collaborazioni quella con la Cineteca di Bologna, una delle più importanti cineteche europee, e con il Cinema Odissea. La sezione cinematografica prevede un ciclo di laboratori di precinem, vidoe e trucchi cinematografici e la proiezione di tre pellicole: il classico The Kid (5 ottobre), versione restaurata del capolavoro di Charlie Chaplin, a cui si affiancano due pellicole in prima visione cagliaritana, Phantom Boy, film d’animazione di Jean-Loup Felicioli, Alain Gagnol e Wolf Children del cineasta giapponese Mamoru Hosoda (Giappone 2013)
Il programma completo del festival è disponibile sul sito Internet www.tuttestorie.it. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi