"L'ARLECCHINO OCCULTO": LA COMMEDIA DELL’ARTE IN ISRAELE CON CRISTINA COLTELLI E MARCELLA COLAIANNI

"L

TEL AVIV\ aise\ - Il 25 febbraio 1545 nasce, legalmente costituita con atto notarile, la prima compagnia di comici di professione al mondo; è questa dunque la data che costituisce l’atto di nascita simbolico della Commedia dell’Arte, che si propagherà nelle piazze, nelle corti e nei teatri di tutta Europa per ben tre secoli e che segnerà lo sviluppo del teatro moderno fino ai giorni nostri.
In occasione della Giornata internazionale della Commedia dell'Arte, Cristina Coltelli e Marcella Colaianni saranno in Israele con "L'Arlecchino Occulto", spettacolo e workshop di Commedia dell'Arte che farà tappa dal 21 al 27 febbraio nelle città di Holon, Giaffa, Beersheva e Kinneret.
La tournée è organizzata dalla Compagnia Teatrale Scapino, dal Teatro Hasimta di Giaffa, dal Centro Teatro dei Burattini di Holon, da Goodman Acting School of the Negev, Beit Gavriel on the Kinneret e dall'Istituto Italiano di Cultura di Tel Aviv, che si sono uniti quest'anno per celebrare in Israele la Giornata della Commedia dell'Arte, proclamata nel 2010 dall'associazione SAT, riconosciuta dall'Unesco nella lista degli organismi non governativi che si occupano di Patrimonio Culturale Immateriale. Ogni anno, il 25 febbraio, la Giornata della Commedia dell'Arte viene celebrata in tutto il mondo per promuovere la conoscenza di questa tradizione.
Ospiti italiane della Giornata della Commedia dell'Arte in Israele sono quest'anno Cristina Coltelli e Marcella Colaianni, che dal 21 al 23 febbraio porteranno all’Israel Puppet Center di Holon "Il segreto della Commedia dell'arte", un laboratorio intensivo di Commedia dell'Arte: dalla creazione del personaggio alla nascita del Canovaccio.
Sabato 24 febbraio, le due artiste si sposteranno al Teatro Hasimta di Giaffa, dove la mattina avranno luogo attività per tutta la famiglia: workshop di creazione di maschere, giochi per bambini, workshop di commedia dell'arte e workshop per bambini; happening italiano sul tetto del teatro.
In serata, alle ore 21.00, "L'Arlecchino Occulto. Conferenza Spettacolare di Teatro Maschera" di Cristina Coltelli, in scena con la collega Marcella Colaianni.
Lunedì 26 febbraio, workshop e spettacolo si sposteranno alla Goodman Acting School of the Negev di Beersheva, mentre martedì 27 febbraio sarà il Beit Gavriel on the Kinneret ad ospitare la conferenza-spettacolo "L'Arlecchino Occulto".
Cristina Coltelli (Palermo), nel ’97 si diploma presso la Scuola di Teatro di Bologna e contemporaneamente inizia gli studi sulla Commedia dell’Arte e il teatro popolare con la compagnia Attori e Cantori di Pordenone e Ariane Mnouchkine a Parigi; sempre nel 1997 debutta nei panni di Arlecchino con la commedia “Le 99 fatiche di Arlecchino”, di cui è anche autrice e regista. Nel ’96 la troviamo a fianco di Andrea Jonasson, Paola Quattrini, Ugo Pagliai e Paola Gassman nel ruolo di Francesca da Rimini in Inferno, per la regia di Lorenzo Salveti. Lavora con lo stabile di Parma sotto la guida di Walter le Moli col quale interpreta la balia in “Romeo e Giulietta” e sotto la guida di Gigi Dell’Aglio che la dirige ne “L’angelo sterminatore” di Buñuel. Nell’estate del 2000 è a Londra presso la Royal Academy of Dramatic Art. Attrice, autrice, cantante e insegnante, si divide tra prosa, teatro fisico e musica, interpreta il ruolo di Edith Piaf nel recital musicale Rue Pigalle accompagnata dal Maestro F.Milani e fonda nel 2006 l’Associazione HERLAKING, dedicandosi alla pedagogia, agli scambi internazionali e alla produzione di spettacoli con particolare attenzione al Teatro Maschera e alla divulgazione della Commedia dell’Arte classica e sperimentale. Ha tenuto corsi e seminari di Commedia dell’Arte e uso della maschera in Italia e in Europa presso il Trinity College in Irlanda, Laghborough, Inghilterra, e la Commedia School di Copenhagen iniziando una collaborazione stabile con la Masquerade Studio (Berlino/Copenhagen). Nel 2008 torna a Palermo e diventa il punto di riferimento per il Teatro Maschera nel sud Italia, insegnando e portando i suoi spettacoli nei principali teatri di Palermo, tra cui il Libero -Stabile di Innovazione della Sicilia, e Il Teatro Biondo – Stabile di Palermo. La Coltelli è membro del SAT, associazione internazionale che raccoglie i Maestri di Commedia dell'Arte nel mondo, e dal febbraio 2013 ne è anche PR ad honorem.
Marcella Colaianni compie gli studi teatrali a Palermo sotto la guida di Michele Perriera. Conseguito il diploma, lavora per circa 10 anni al Teatro Libero-Stabile di Innovazione della Sicilia, diretto da Beno Mazzone, trasformandosi in vera e propria macchina da guerra sul palco. Nel 2009 incontra Cristina Coltelli ed inizia un nuovo percorso creativo. Lavora con F. Scaldati al Teatro Nazionale Bellini ed è attiva in 2 importanti progetti della regista Emma Dante, tra i quali il film "Via Castellana Bandiera". La carica propulsiva che la distingue sul palco la rende sorella in maschera ideale nella principale produzione palermitana della Coltelli. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi