LUIGI FERRARI AMBASCIATORE D’ITALIA A COPENAGHEN

LUIGI FERRARI AMBASCIATORE D’ITALIA A COPENAGHEN

ROMA\ aise\ - "In Danimarca per promuovere l'Italia e le sue eccellenze: esportazioni, cultura, arte, scienza, tecnologia, turismo e sport. Lavoreremo per i cittadini e per le imprese, a sostegno del sistema Paese". Queste le parole di Luigi Ferrari, da oggi ambasciatore d’Italia a Copenaghen.
E, come ormai consuetudine, da Twitter sono giunti gli auguri di "buon lavoro!" della Farnesina.
Nato a Roma, 28 giugno 1959, Luigi Ferrari nel 1984 si laurea in Scienze Politiche presso l’Università La Sapienza di Roma e nel 1993 entra in carriera diplomatica.
Nel 1994 è alla Direzione Generale del Personale, per poi spostarsi nel 1996 a Stoccolma come secondo segretario commerciale. Nel 1998 è confermato nella stessa sede con funzioni di primo segretario commerciale, carica che ricopre anche a Luanda, dove arriva nel 1999.
Tornato a Roma nel 2003 è alla Direzione Generale dei Paesi dell’Europa e poi di nuovo alla Direzione Generale del Personale. Incaricato nel 2004 di svolgere le funzioni di capo Uff. II del Servizio per l'Informatica, le Comunicazioni e la Cifra, nel 2010 è vice direttore generale per l’Amministrazione, l’Informatica e le Comunicazioni con funzioni vicarie/direttore centrale per l’Informatica e le Comunicazioni.
Fuori ruolo nel 2014 per prestare servizio presso il Ministero della Salute quale consigliere diplomatico dell'On. Ministro, nel 2015 è promosso al grado di ministro plenipotenziario.
Da oggi inizia la sua missione come ambasciatore d’Italia in Danimarca. (aise)


Newsletter
Archivi