ROMA NUOVA SEDE DEL SEGRETARIATO AP – UPM

ROMA NUOVA SEDE DEL SEGRETARIATO AP – UPM

ROMA\ aise\ - “Con Roma sede del Segretariato permanente dell’Assemblea Parlamentare dell’Unione per il Mediterraneo AP-UPM, il Parlamento italiano ha ottenuto un risultato importante”. Lo ha dichiarato oggi la Vicepresidente della Camera dei deputati Maria Edera Spadoni (M5s) prendendo parte a Bruxelles alla prima riunione del Bureau dell’AP-UPM sotto la Presidenza del Parlamento europeo.
Insediatasi ufficialmente ad Atene il 22 e 23 marzo 2004 come dimensione parlamentare del partenariato istituito dalla Dichiarazione di Barcellona del novembre 1995, l'Assemblea parlamentare dell’Unione per il Mediterraneo si compone di 280 parlamentari, di cui 130 appartengono ai Parlamenti europei (81 membri dei 27 Parlamenti nazionali dell'UE - tre per ogni Parlamento - e 49 membri del Parlamento europeo), 10 ai nuovi partner europei (due membri per ciascuna delegazione di Albania, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Principato di Monaco e Montenegro), 130 ai dieci paesi della sponda sud ed est del Mediterraneo (Algeria, Autorità Palestinese, Egitto, Giordania, Israele, Libano, Marocco, Mauritania, Siria, Tunisia, Turchia) e 10 alla Mauritania.
L' Ap-UpM si articola in cinque Commissioni a carattere permanente: Commissione politica, per la sicurezza e i diritti umani; Commissione per i problemi economici e finanziari, gli affari sociali e l'istruzione; Commissione per la promozione della qualità della vita, gli scambi tra società civili e la cultura; Commissione per i diritti della donna nei paesi euromediterranei; Commissione sull'energia, l'ambiente e l'acqua.
L'Ufficio di Presidenza dell'Ap-UpM può altresì istituire, su decisione dell'Assemblea plenaria, uno o più gruppi di lavoro, stabilendone natura, durata, numero dei membri, composizione, mandato e obblighi di notifica.
Attualmente, i Gruppi di lavoro sono tre: Finanziamento dell'Assemblea e revisione del Regolamento Ap-UpM, Trasformazione dello Strumento europeo di investimento e partenariato in Banca euromediterranea per lo sviluppo, Università euromediterranea.
L'Ap-UpM è un organo consultivo. Le sue risoluzioni e raccomandazioni sono inerenti agli obiettivi e ai settori di cooperazione del partenariato e non hanno carattere giuridicamente vincolante. Oggi, l'Ap-UpM è la principale espressione parlamentare dell'Unione per il Mediterraneo (UPM), che ha assorbito il Processo di Barcellona ed è stata inaugurata dal vertice di Parigi dei Capi di Stato e di Governo di 43 Stati.
La candidatura d Roma ad ospitare il Segretariato dell’assemblea è stata avanzata in aprile dal Parlamento italiano.
“Roma – ha spiegato Sapdoni – è risultata vincente grazie alla presentazione di un progetto qualificato su cui hanno lavorato in piena sinergia la Camera dei deputati, il Senato, il Comune di Roma e il Ministero Affari esteri”, prosegue la Vicepresidente che ha quindi rivolto un ringraziamento ai colleghi del Parlamento europeo, turco ed egiziano che hanno contribuito ad assumere questa decisione, da tempo attesa.
“Una scelta strategica importante che rappresenta un preciso impegno per il Parlamento italiano che intende così dare un contributo concreto al consolidamento dell’Assemblea che agisce in un’area di grandi tensioni e che è cruciale per il futuro dell’intera regione”.
L’Assemblea parlamentare dell’Unione per il Mediterraneo si propone quale “strumento decisivo per promuovere e consolidare i rapporti tra i Paesi appartenenti alle due sponde del Mediterraneo, per affrontare in modo condiviso le sfide e gli scenari di crisi che la regione sta attraversando, valorizzando al contempo le potenzialità dell’area”. (aise) 

Newsletter
Archivi