“SCUOLA, LAVORO E MERITOCRAZIA”: L’INCONTRO DI UNINDUSTRIA COMO CON ROGER ABRAVANEL

 “SCUOLA, LAVORO E MERITOCRAZIA”: L’INCONTRO DI UNINDUSTRIA COMO CON ROGER ABRAVANEL

COMO\ aise\ - Il Gruppo Imprenditrici di Unindustria Como organizza per il prossimo 10 ottobre, alle 17.00, un incontro con l’editorialista del Corriere della Sera Roger Abravanel sul tema “Scuola, lavoro e meritocrazia”.
L’incontro, introdotto da Gaetana Mariani e Laura Sofia Clerici, coordinatrici del Gruppo Imprenditrici, verrà moderato dalla giornalista de La Provincia, Marilena Lualdi. Nell’occasione verrà presentato l’ultimo libro scritto da Roger Abravanel “La ricreazione è finita”, autore anche di “Meritocrazia. Quattro proposte concrete per valorizzare il talento e rendere il nostro paese più ricco e più giusto” (http://www.meritocrazia.com). L’autore si soffermerà anche sulla situazione scolastica del territorio comasco, avendo analizzato i dati delle scuole superiori della provincia di Como riguardanti il tasso di abbandono, le eccellenze e molto altro.
Ingegnere (laureato a 21 anni - per due anni premio come più giovane ingegnere d'Italia), MBA INSEAD (primo italiano nella "lista del Rettore"), 35 anni alla McKinsey in Italia, Europa, Asia, USA, America Latina e Medio Oriente, Abravanel si è ritirato dalla McKinsey nel 2006 ed è oggi Director Emeritus della stessa.
Negli ultimi 10 anni siede nei consigli di amministrazione di prestigiose società quotate nazionali e internazionali come Luxottica, COFIDE, Teva (borsa di NEW York), Admiral (borsa di Londra) e private famigliari come COESIA /GD. È anche membro del CDA della BNL/BNP.
Autore di saggi di successo: “Meritocrazia”, “Regole”, "Italia cresci o esci!" e l'ultimo nato, "La ricreazione è finita!". Dal 2008 è editorialista del Corriere della Sera. È membro dell’Advisory Board del Politecnico di Milano e Presidente dell'INSEAD Council in Italia. Nel 2010, in occasione del cinquantenario della fondazione della stessa INSEAD è stato selezionato tra i 40.000 alunni come uno tra i “50 che hanno cambiato il mondo”, l'unico italiano. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi