“SVILUPPO LOCALE PER NUOVE OPPORTUNITÀ”: A ROMA TAVOLO DI CONFRONTO PROMOSSO DA ISTITUTO FERNANDO SANTI E ELP

“SVILUPPO LOCALE PER NUOVE OPPORTUNITÀ”: A ROMA TAVOLO DI CONFRONTO PROMOSSO DA ISTITUTO FERNANDO SANTI E ELP

ROMA\ aise\ - Il prossimo 22 settembre presso la “Sala delle Regioni” in via dei Frentani 4 a Roma si terrà in forma seminariale una iniziativa di ELP e Istituto Fernando Santi sul tema “Sviluppo locale per nuove opportunità - reti formali e informali, governance locale e proiezione europea di sviluppo locale dei territori”. Obiettivo, spiegano le due organizzazione, quello di approfondire due temi principali sui quali ELP e Istituto Fernando Santi sono particolarmente impegnati a partire dal Convegno condiviso del dicembre 2015 in Roma e dal Seminario sulla musica popolare di inizio 2017 a Frosinone.
Il primo è quello di strutturare una rete internazionale, con l’apertura di hub in alcuni paesi europei, per la promozione delle eccellenze e delle potenzialità produttive, paesaggistiche, ambientali e culturali dei territori del Lazio verso l’estero, con l’impegno per un permanente interscambio con quelle presenti in specie nei paesi europei, nei quali da tempo si sono integrati gli italiani e con i quali sono condivisi, in quanto europei, valori e storia comune. Il secondo quello di valorizzare il bene culturale immateriale della musica popolare, sviluppato nell’ottica dei distretti culturali evoluti ed inteso come una dimensione in grado di mettere a sistema territorio, tessuto produttivo e sociale, reti informali/formali e flussi.
Proprio per questo, annunciano Ifs e Elp, è in via di costituzione il “Distretto culturale della musica popolare del Lazio meridionale” promosso da News Media Farm, ELP e Istituto Fernando Santi insieme a altri soggetti istituzionali e non.
Uno degli obiettivi della costituzione del Distretto, sottolinea il particolare il Santi, è quello di “proiettare l'offerta integrata territoriale all'estero in interazione con le reti associative delle comunità italiane al fine di valorizzare le attività del costituendo distretto promuovendo altresì scambi con le esperienze musicali popolari degli italiani nel mondo”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi