MODIGLIANI AL JEWISH MUSEUM DI NEW YORK

MODIGLIANI AL JEWISH MUSEUM DI NEW YORK

NEW YORK\ aise\ - Il Jewish Museum di New York ha inaugurato il 15 settembre scorso “Modigliani Unmasked”, una mostra sui primi disegni di Amedeo Modigliani (1884-1920) che resterà disponibile al pubblico fino al 4 febbraio 2018. L’esposizione è stato organizzata da Mason Klein, curatore del Jewish Museum, con l’allestimento di Galia Solomonoff e Talene Montgomery di SAS/ Solomonoff Architecture Studios.
Le opere selezionate sono 150, alcune per la prima volta esposte negli Stati Uniti. Molte di queste fanno parte della collezione Alexandre e comprendono i disegni di un Modigliani più giovane. Paul Alexandre fu d’altronde il primo mecenate e caro amico di Modigliani e la sua collezione racchiude la parte di eredità culturale rappresentata dalle origini ebree sefardite dell’artista.
I disegni ci riportano al periodo della vita di Modigliani poco dopo il suo arrivo a Parigi, quando la città si trovava ancora sommersa dal movimento antigiudaico dopo l’affare Dreyfus e l’afflusso di immigrati stranieri. Il suo passato da ebreo sefardita aiutò Modigliani nell’elaborare una forte identità culturale, basata sulla caratteristica abilità degli ebrei italiani di assimilare la diversità durante i vari periodi storici.
La mostra vorrebbe sottolineare quest’aspetto: come Modigliani capì a fondo la diversità e la possibile fusione culturale senza razionalizzarle, ma studiandole attraverso il disegno in una splendida riproduzione del melting pot di Parigi.
Quale significato può avere il ritratto in un mondo moderno fatto di complessità razziale? Non a caso, la mostra è stata arricchita dai lavori di artisti contemporanei a Modigliani, opere di varie influenze multiculturali che lo ispirarono nel suo primo periodo parigino: africane, greche, egiziane e khmer.
Tra le opere di Modigliani vi sono inoltre un misterioso e inconcluso ritratto di Alexandre, impressioni sul teatro, studi dal vero e nudi femminili tra cui quello della poetessa russa Anna Akhmatova; e poi disegni di teste e cariatidi e i primi schizzi su cui Modigliani elaborò future sculture e a cui lavorò dal 1909 al 1914. (r.moore\aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi