RAPPORTO WEWORLD INDEX 2018

RAPPORTO WEWORLD INDEX 2018

ROMA\ aise\ - Il progresso di un Paese andrebbe misurato attraverso indicatori economici e sociali, analizzando le condizioni di vita dei soggetti più a rischio di esclusione come bambine/i, adolescenti e donne. L’inclusione, nella prospettiva degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile 2030, è multidimensionale, non riguarda solo la sfera economica, ma tutte le dimensioni del sociale (sanitaria, educativa, lavorativa, culturale, politica, informativa, di sicurezza, ambientale).
Il WeWorld Index, rispetto ad altri rapporti, mette a fuoco il forte nesso tra diritti dei bambini, delle bambine e parità di genere, elaborando una classifica mondiale; pertanto è uno strumento per conoscere e per agire.
La quarta edizione del WeWorld Index verrà presentata il 18 aprile, alle ore 11.00, presso la Sala Aldo Moro del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, a Roma.
Il giorno seguente, 19 aprile, alle ore 9.30, il WeWorld Index 2018 verrà presentato anche a Milano, presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore.
Il WeWorld Index si conferma per il quarto anno consecutivo come uno strumento importante per misurare l’inclusione di bambini, bambine, adolescenti e donne nel mondo. Getta uno sguardo ampio, grazie alla serie di indicatori analizzati e all’ancor più ricca varietà di interviste e testimonianze raccolte, sulla situazione di milioni di bambine, bambini, adolescenti e donne che sono esclusi dalla possibilità di vivere in un ambiente sano, ricco di opportunità formative, economiche e sociali, sicuro e al riparo dalla violenza e dalla corruzione, aperto al pluralismo e alla parità di opportunità tra uomini e donne.
L’evento di quest’anno vedrà, oltre alla presentazione dei principali risultati del WeWorld Index 2018, un approfondimento su 5 barriere all’educazione educazione inclusiva e di qualità.
Le presentazioni sono aperte al pubblico. In entrambe le occasioni sono previsti contributi da parte del: Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, di Global Partnership for Education (DK), Global Campaign for Education, Concord Italia, Università italiane, parlamentari e rappresentanti di agenzie internazionali e testimoni.
Più nello specifico, la presentazione alla Farnesina, moderata dalla giornalista Maria Rita Grieco, sarà aperta dagli interventi di Marco Chiesara, presidente WeWorld Onlus, Mario Giro, vice ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, e Valeria Fedeli, ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Introdotti da Giorgio Marrapodi, direttore generale per la Cooperazione allo Sviluppo della Farnesina, presenteranno e discuteranno del rapporto: Stefano Piziali di WeWorld; Kira Boe, Global Campaign for Education & Global Partnership for Education; e Diego Cimino del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.
Porterà la sua testimonianza Elisa di Francisca, campionessa olimpica e ambasciatrice WeWorld contro la povertà educativa.
Al termine del dibattito con Emanuele Russo, Global Campaign for Education (GCE), Fiorenza Deriu, Università degli Studi di Roma "La Sapienza", e Francesco Petrelli, Concord Italia, le conclusioni saranno affidate a Leonardo Carmenati, direttore vicario dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo sviluppo.
All’incontro di presentazione di Milano parteciperanno anche gli studenti del corso di laurea in cooperazione internazionale. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi