MATTARELLA AL PALAZZO PRESIDENZIALE DI HELSINKI

MATTARELLA AL PALAZZO PRESIDENZIALE DI HELSINKI

HELSINKI\ aise\ - "Finlandia e Italia intrattengono rapporti bilaterali di straordinaria eccellenza: sul piano politico, su quell'economico e culturale". Primo impegno ufficiale della visita di Stato del Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, nella Repubblica di Finlandia è stato oggi l'incontro con il presidente finlandese, Sauli Niinistö. Mattarella è stato accolto questa mattina al Palazzo Presidenziale di Helsinki, dove, dopo l'esecuzione degli inni nazionali e gli onori militari, i due capi di Stato si sono intrattenuti a colloquio, allargato poi alle rispettive delegazioni ufficiali.
Al termine dell'incontro, Mattarella e Niinistö hanno incontrato i giornalisti.
Mattarella ha in particolare ringraziato il presidente finlandese "per l'accoglienza così amichevole" e si è detto "onorato di svolgere la visita di Stato nell'anno in cui ricorre il centenario dell'indipendenza della Finlandia: è un atto di omaggio al ruolo che la Finlandia ha saputo assumere in Europa e nella comunità internazionale ed è anche un segno di grande amicizia tra i nostri due Paesi. Il tema che la Finlandia ha scelto per quest'anno centenario è "insieme" ed è anzitutto un'esortazione all'interno della società finlandese che, del resto, ha sempre manifestato grande coesione e grande senso di unità nazionale. Ma", ha osservato Mattarella, "è anche un messaggio all'esterno, nell'Unione europea e nella comunità internazionale. In questa stagione di tensioni che portano anche a degli scontri armati- in Europa, intorno all'Europa, in altri continenti, in estremo oriente - le tensioni sono un motivo di allarme. L'Italia apprezza e condivide il richiamo che la Finlandia rivolge e avverte l'esigenza che venga ascoltato".
"Finlandia e Italia intrattengono rapporti bilaterali di straordinaria eccellenza: sul piano politico, su quell'economico e culturale", ha continuato il presidente della Repubblica, che insieme al presidente Niinistö ha manifestato "l'intenzione di sviluppare ulteriormente queste collaborazioni".
"Finlandia e Italia", ha quindi proseguito Mattarella, "registrano anche ampie convergenze su temi globali, avendo entrambi i Paesi come obiettivi da coltivare la pace, la libertà, la democrazia, il dialogo, il multilateralismo e condividendo entrambi l'auspicio che si riaffermi il principio della non proliferazione nucleare".
"Sintonia piena" anche "rispetto alle nuove sfide di oggi sul piano ambientale. Il presidente Niinistö ha detto all'Assemblea generale dell'Onu che se perdessimo l'Artico perderemmo il mondo. Ed è realmente così. Se si alterasse l'equilibrio dell'Artico, si altererebbe l'equilibrio del clima in tutto il mondo", ha confermato Mattarella. "La difesa del clima nel mondo vede Finlandia e Italia assolutamente d'intesa nel ritenere che occorre attuare gli Accordi della Conferenza di Parigi e fare ulteriori passi avanti in quella direzione".
Ribadendo poi la solidarietà dell'Italia per l'attentato avvenuto a Turku, Mattarella ha rilevato che "anche sul piano del terrorismo Finlandia e Italia hanno una visione comune, con l'esigenza di sviluppare una collaborazione sempre maggiore in Europa e nella comunità internazionale".
"Il fronte comune richiede una sempre maggiore integrazione di informazione e una sempre maggiore collaborazione fra tutti i Paesi dell'Unione europea e della comunità internazionale", ha detto il presidente Mattarella, spiegando di aver discusso con Niinistö "della sicurezza e difesa comune dell'Unione europea auspicando (come si sta avviando) di realizzare in Europa una crescita di questa dimensione, una sua realizzazione effettiva, anche perché l'Europa possa dare un contributo protagonista ed efficace nel mondo per la pace e la stabilità".
Ed ancora "abbiamo affrontato il discorso del fenomeno migratorio che si è manifestato in tante direzioni e in tanti luoghi, anche qui in Finlandia nel 2015, nei Balcani e verso il centro Europa. Ma nel Mediterraneo, da anni ormai, vi è un flusso consistente di migranti che si è riusciti a contenere negli ultimi mesi estivi". Mattarella si è detto "riconoscente alla Finlandia per aver accolto, nel suo territorio, 779 migranti, l'intera quota decisa per la Finlandia dalla Commissione europea. Quello migratorio", ha poi osservato, "è un fenomeno che non ci può illudere di rimuovere, ma va governato, per quanto riguarda il continente europeo, dall'Unione europea, insieme, stroncando il traffico di esseri umani, aprendo canali di immigrazione legali e sostenibili, con aiuti per i Paesi da cui nascono i flussi migratori: esperimento che l'Europa ha iniziato a condurre".
Infine il presidente Mattarella ha concluso sottolineando "i grandi rapporti culturali tra Finlandia e Italia, di lunga data, che vedono una vasta collaborazione fra le nostre Università e che costituiscono un legame di amicizia profondo tra finlandesi e italiani". (aise) 

Rassegna Stampa
 Visualizza tutti gli articoli
Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli