SIGLATI LA COLLABORAZIONE TRA I PORTI DI TRIESTE E SHIZUOKA IN GIAPPONE E IL GEMELLAGGIO TRA MONTE FUJI E MONTE ZONCOLAN

SIGLATI LA COLLABORAZIONE TRA I PORTI DI TRIESTE E SHIZUOKA IN GIAPPONE E IL GEMELLAGGIO TRA MONTE FUJI E MONTE ZONCOLAN

TRIESTE\ aise\ - L'Autorità di sistema portuale del mare Adriatico orientale e la prefettura di Shizuoka in Giappone hanno siglato venerdì, 25 agosto, nel Palazzo della Regione a Trieste un protocollo di collaborazione tra gli scali di Trieste e di Shimizu che è stato negoziato per quasi un anno e favorito dalla Regione Friuli Venezia Giulia.
Per l'Autorità portuale triestina la firma è stata apposta dal presidente Zeno d'Agostino, alla presenza del vicepresidente del Friuli Venezia Giulia, Sergio Bolzonello, e di un'ampia delegazione della Prefettura giapponese guidata dal vicegovernatore Takashi Namba.
La firma di venerdì fa seguito alla missione in Giappone guidata nell'ottobre 2016 dallo stesso Bolzonello, caratterizzata da una fitta serie di incontri su varie direttrici. "Si colgono oggi i frutti di quell'iniziativa che", ha commentato il vicepresidente della Regione, "ha avviato relazioni molto significative tra il Friuli Venezia Giulia e la prefettura di Shizuoka in merito a logistica e infrastrutture, nello sport come fattore turistico e nell'agroalimentare. Un percorso di grande amicizia si è tradotto così in una collaborazione strategica".
Già oggi il Giappone movimenta sul porto di Trieste circa 5500 contenitori l'anno, due terzi dei quali sono costituiti da export italiano, con una crescita nell'ultimo anno del 30 per cento.
"Insieme al sistema portuale", ha rilevato il vicepresidente della Regione, "ci sono grandi opportunità sul fronte agroalimentare e nello sport. Gli amici giapponesi sono rimasti affascinati dai vini e dai prodotti enogastronomici del Friuli Venezia Giulia, soprattutto formaggio e prosciutto, e possono rappresentare dei grandi ambasciatori così come lo sarà lo sport, grazie al gemellaggio nel ciclismo tra il monte Fuji e monte Zoncolan, anche in vista dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020 che porranno il Giappone al centro dell'attenzione mondiale".
Della delegazione nipponica faceva parte anche Masahide Komiyama, sindaco di Oyama, città che alle Olimpiadi ospiterà le gare di ciclismo su pista e di mountain bike, mentre al tavolo italiano, insieme a Bolzonello e D'Agostino, era presente l'organizzatore Enzo Cainero che ha tessuto la trama delle relazioni sportive con la prefettura di Shizuoka.
In dettaglio, il protocollo sul Porto prevede un'alleanza tra gli scali di Trieste e di Shimizu finalizzata a tre obiettivi da perseguire mediante lo scambio di esperienze: l'espansione delle relazioni economiche tra le aree del Friuli Venezia Giulia e di Shizuoka per rafforzare e sviluppare la collaborazione regionale; lo scambio di risorse e strumenti per la crescita delle operazioni portuali e delle flotte mercantili; l'espansione dell'attività dei due scali nei mercati internazionali dei servizi legati ai trasporti marittimi e nei corridoi di trasporto internazionali.
"Per sviluppare i traffici riteniamo che vadano attivati rapporti con una serie di sistemi internazionali", ha rilevato D'Agostino, "e crediamo che uno scalo riconosciuto quale porto di successo come Trieste abbia delle esperienze da scambiare utilmente con il porto di Shimizu, come stiamo facendo con altri porti non solo asiatici ma anche africani e mediorientali".
Il presidente dell'Autorità di sistema ha illustrato agli ospiti le caratteristiche del porto franco e le potenzialità che ne discendono dopo l'entrata in vigore dei decreti attuativi. "L'allocazione di attività giapponesi nel territorio europeo e nello specifico nei nostri punti franchi", ha detto D'Agostino, "è un tema importante".
La firma della risoluzione è stata preceduta da una visita della delegazione giapponese nello scalo, della cui strategia si è detto "ammirato" il vicegovernatore Takashi Namba. Quanto al tema enogastronomico, Namba, che era accompagnato da due importanti operatori giapponesi del settore vinicolo, ha annunciato l'intenzione di utilizzare d'ora in poi i vini e i prodotti tipici del Friuli Venezia Giulia nei ricevimenti che si terranno nella prefettura di Shizuoka.
Lo stesso vicegovernatore ha partecipato domenica, insieme a ciclisti giapponesi, alla Carnia Classic, manifestazione ciclistica che ha sancito il gemellaggio tra il Monte Fuji e il Monte Zoncolan. A questo proposito, il sindaco di Oyama, Masahide Komiyama, ha confermato di essere venuto "qui per studiare lo Zoncolan".
Enzo Cainero si è detto molto soddisfatto della rapidità con cui si è sviluppata la collaborazione in campo sportivo con Shizuoka. "Grazie alla fiducia personale che si è creata e alla grande collaborazione dell'ambasciata italiana a Tokyo è sorto un bellissimo rapporto", ha detto Cainero. Tale rapporto, ha precisato, verrà rafforzato nei prossimi giorni in un contesto in cui "lo sport è un grande volano per l'economia". (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi