NASCE IL TRIPADVISOR DEI LAVORATORI MIGRANTI

NASCE IL TRIPADVISOR DEI LAVORATORI MIGRANTI

ROMA\ aise\ - “La confederazione internazionale dei sindacati (Ituc-Csi) ha lanciato una nuova piattaforma web per aiutare i lavoratori migranti a proteggersi da violenze e abusi. Recruitment advisor, questo il nome della piattaforma, fornisce ai migranti valutazioni delle agenzie di reclutamento nel loro paese di origine e in quello di destinazione. Il servizio è stato realizzato col sostegno dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo), ed elenca migliaia di agenzie attive in Nepal, Filippine, Indonesia, Qatar, Arabia Saudita, Hong Kong, Malesia, Singapore e altri paesi. La piattaforma consente ai lavoratori di commentare le loro esperienze, valutare le agenzie di reclutamento e conoscere i propri diritti. Al momento è disponibile in inglese, indonesiano, nepalese e tagal (la lingua ufficiale delle Filippine), ma sarà sviluppata anche in altri idiomi”. È quanto si legge su “Rassegna sindacale”, il più antico periodico sindacale italiano, fondato nel 1955 dalla segreteria della Cgil guidata da Giuseppe Di Vittorio, dal 2015 online all’indirizzo www.rassegna.it, edita da Ediesse.
“L'elenco delle agenzie autorizzate è stato fornito dai governi dei rispettivi Paesi, mentre una rete di sindacati e organizzazioni della società civile assicura la sostenibilità e disseminazione della piattaforma tra i lavoratori.
“Le agenzie di reclutamento pubblico e privato, se opportunamente regolamentate, svolgono un ruolo importante nel funzionamento efficiente ed equo dei processi migratori e dei mercati del lavoro nei paesi di destinazione, associando i lavoratori giusti a specifiche esigenze di lavoro e mercati del lavoro, nonché creando risorse inestimabili per i paesi e le comunità di origine quando i migranti tornano a casa”, si legge in una nota dell’Ituc.
Recruitment advisor promuoverà le agenzie del lavoro che rispettano i principi generali dell’Ilo e le linee guida per il reclutamento equo. Inoltre fornirà feedback utili ai governi in merito alle pratiche delle agenzie autorizzate, informazioni che potranno essere utilizzate per integrare sistemi di monitoraggio più tradizionali.
Quella del reclutamento è una fase critica in cui i lavoratori migranti sono più vulnerabili e indifesi. “Le agenzie senza scrupoli approfittano dell’inadeguatezza dei governi nel far rispettare la legge, o perché i lavoratori semplicemente non sono consapevoli dei loro diritti”, ha dichiarato il segretario generale dell'Ituc, Sharan Burrow. "È tempo di rimettere il potere nelle mani dei lavoratori per valutare le agenzie di reclutamento e mostrare se le loro promesse quanto a lavoro e salari vengono mantenute”.
“Questa piattaforma può aiutare i migranti a compiere scelte importanti al momento di pianificare il loro viaggio in un paese straniero. Sappiamo che quando una persona è reclutata in modo equo, il rischio di finire nelle maglie del lavoro forzato si riduce drasticamente”, ha detto Alix Nasri dell’Ilo. “Incoraggiamo con forza i lavoratori a condividere le loro esperienze in modo che altri possano imparare da loro. Perché la piattaforma sia davvero utile, è necessaria una grande mole di recensioni”.
“Una forza lavoro organizzata non può essere ridotta in schiavitù – ha concluso Burrow -, ma quando i governi falliscono e la legge non viene rispettata, la schiavitù può prosperare. Insieme fermeremo pratiche di reclutamento senza scrupoli e porremo fine alla schiavitù moderna””. (aise) 

Newsletter
Archivi