OVERSTAY: COSA C’È DA SAPERE

OVERSTAY: COSA C’È DA SAPERE

DUBAI\ aise\ - “Il vostro visto è scaduto? Ecco che cosa succede e che cosa occorre sapere. Nel momento in cui il proprio visto viene cancellato dal datore di lavoro, si hanno 30 giorni di tempo, il cosiddetto grace period, per cercare un nuovo impiego e avviare quindi le pratiche per un nuovo visto, oppure per uscire dagli Emirati Arabi Uniti. In questo periodo, pur non avendo nessun visto, la propria posizione è legale”. È quanto si legge su “DubaItaly”, portale fondato e diretto da Elisabetta Norzi, che ricorda oggi ai connazionali le regole da seguire nel paese quando scade il visto.
“Scaduti i 30 giorni, scattano invece le multe per “soggiorno illegale”: per il primo giorno di overstay si pagano 125 aed e per i giorni a seguire 25 aed. Se si decide di uscire dal Paese nel periodo di overstay, dopo avere acquistato il biglietto aereo ed effettuato il check-in all’aeroporto, occorre recasi all’ufficio immigrazione, sempre all’interno dell’aeroporto, e pagare la multa dovuta, oltre ad ulteriori 100 aed, ovvero la tassa di uscita dal Paese. Se il grace period di 30 giorni viene superato significativamente (per significativamente si intendono 30 giorni o più) si rischia di essere inseriti nella immigration blacklist. In questo caso, occorrerà pagare un’ulteriore multa per regolarizzare la propria posizione.
Diverso è il caso di overstay con visto turistico. Alla scadenza, se il visto non viene rinnovato o se non si esce dal Paese, è prevista una multa di 200 aed per il primo giorno e di 100 aed per i giorni successivi. Anche in questo caso, se si eccede di molto il numero di giorni di overstay, il proprio nome potrebbe essere inserito nell’immigration blacklist. Se non si hanno abbastanza soldi per pagare l’overstay, si rischiano la detenzione (da due settimane a 3 mesi) e l’espulsione dal Paese.
Ricordiamo che tutti i cittadini con passaporto europeo (fatta eccezione per Inghilterra e Irlanda) possono soggiornare negli Emirati per 90 giorni in un arco di 6 mesi. Cosa significa? Che si possono trascorrere nel Paese 3 mesi consecutivi oppure “consumare” i 90 giorni entrando e uscendo più volte dagli Emirati, ma sempre in un periodo complessivo massimo di 180 giorni, ovvero rispettando il rapporto 90 giorni negli Emirati/90 giorni fuori dagli Emirati.
Questo vuole dire che, esauriti i 90 giorni (ripetiamo, consumati tutti insieme o in più entrate nel Paese), per i 90 giorni successivi non sarà più possibile l’ingresso negli Emirati. Questa normativa, che potete trovare qui, fa parte di un accordo bilaterale tra Emirati Arabi ed Europa sull’esenzione del visto, che darà la possibilità non solo ai cittadini europei di soggiornare senza visto negli Emirati, ma anche ai cittadini emiratini di viaggiare liberamente in Europa e in Italia.
Se avete dubbi o problemi con il visto, potete contattare l’Amer service: al numero verde 8005111, attivo 24 ore su 24, risponde direttamente il General Directorate of Residency and Foreigners Affairs di Dubai”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi