RISTRUTTURARE IL DEBITO: OBIETTIVO DI MADURO IN RUSSIA

RISTRUTTURARE IL DEBITO: OBIETTIVO DI MADURO IN RUSSIA

CARACAS\ aise\ - “Maduro è in Russia per il foro “La settimana dell’energia in Russia 2017.” Ma la ragione del suo viaggio sembra sia negoziare la ristrutturazione del debito che il paese ha contratto con i russi. Il viceministro russo per l’energia, Anton Iniutsin ha informato che il Presidente venezuelano interverrà al foro. Maduro sarà presente al dibattito “Petrolio e Geopolitica: Cause e Conseguenze”. Sembra, però, che Maduro approfitti di questa occasione per abbordare Putin. E l’incontro sarebbe per rinegoziare il debito venezuelano”. È quanto si legge su “La voce d’Italia”, quotidiano online che Mauro Bafile dirige a Caracas.
“A questo riguardo, il Ministro per le Finanze di Russia, Antón Siluanóv, non scarta che si possano concludere le negoziazioni per ristrutturare il debito venezuelano.
“Non escludo che il negoziato vada avanti, stiamo cercando soluzioni mutuamente accettabili e convenienti per ambedue i paesi”.
Quindi, pare che il debito venezuelano sarà rinegoziato e si concluda positivamente prima della fine di quest’anno.
MADURO, PUTIN E IL DEBITO
Il paese ha ricevuto dalla Russia parecchi prestiti negli ultimi anni. Nel 2011, 2800 milioni di dollari, e nel 2012 il credito è salito a 4000 milioni. Si dice per finanziare l’acquisto di prodotti industriali russi.
Anche a statale del petrolio russo ha concesso a Pdvsa un prestito per 6000 milioni. Insomma, il paese è indebitato fino al collo con la Russia.
Ma la precaria situazione economica e finanziaria del Venezuela ha impedito che il paese saldi il debito. Anzi è diventato più grande.
A settembre del 2016 i ministri russi hanno approvato il protocollo di accordo tra i due governi per una nuova ristrutturazione. L’accordo prevedeva una nuova proroga che è vicina alla scadenza.
Quindi, Maduro deve cercare di rinegoziare il debito perché la situazione del Venezuela è peggiorata. E dalle parole di Siluanóv si può capire che forse ce la farà, per ora”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi