STUDIO DELLE LINGUE IN CRISI IN UK MA L’ITALIANO REGGE – DI ALESSANDRO ALLOCCA

STUDIO DELLE LINGUE IN CRISI IN UK MA L’ITALIANO REGGE – di Alessandro Allocca

LONDRA\ aise\ - "Mentre il resto del mondo investe miliardi per imparare l’inglese, sia attraverso la scuola pubblica che corsi privati, il Regno Unito è sempre meno interessato a perfezionare le proprie conoscenze verso una lingua che non sia la propria". Come riporta Alessandro Allocca in un articolo in primo piano pubblicato dal portale Londraitalia.com, "la conferma giunge dal nuovo rapporto elaborato dal British Council sullo studio della seconda lingua a livello del GCSE, il General Certificate of Secondary Education, il titolo di studio che nel Regno Unito si ottiene arrivati ai 16 anni.
Il rapporto ha registrato una notevole diminuzione dello studio della seconda lingua nel corso degli ultimi anni, passando dal 76% di studenti interessati durante l’anno scolastico 2002, al 47% dell’anno 2017.
Un calo che ha colpito le due principali lingue scelte, tedesco e francese, mentre non ha intaccato la terza, lo spagnolo, che proprio nel corso degli ultimi anni è diventata invece la lingua più studiata nel Regno Unito, dopo ovviamente all’inglese.
Nel 2010 erano 160.598 gli studenti delle scuole secondarie a studiare francese e 65.822 il tedesco, calati rispettivamente a 130.790 e 45.471 nel 2017; mentre erano 58.230 ad aver scelto lo spagnolo nel 2010 giunti a quota 90.544 l’anno passato.
Il calo delle due lingue più studiate in parte si è spalmato su altri idiomi che potremmo definire "minori" se analizzati espressamente sotto una forma di numeri e statistiche. Tra questi rientra anche l’italiano che nel corso del periodo preso in esame dal British Council ha comunque mantenuto un certo appeal tra gli studenti: 3.436 lo studiavano nel 2012, mentre l’anno passato sono stati in 4.507.
L’italiano rimane tra le "smaller entry languages" (così come vengono definite dal sistema scolastico britannico) più studiate insieme al polacco (2.505 nel 2012, 4.749 nel 2017), l’arabo (2.138 nel 2012, 3.576 nel 2017), il cinese (da 2.480 a 3.654), e l’urdu da (3.891 a 3.798).
A questo link è possibile trovare il rapporto completo del British Council sulle tendenze dello studio della seconda lingua nel Regno Unito". (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi