TERREMOTO A ISCHIA: VITTIME E FERITI

TERREMOTO A ISCHIA: VITTIME E FERITI

ROMA\ aise\ - Un terremoto di magnitudo 4.0, avvenuto a 5 km di profondità, ha colpito ieri poco prima delle 21.00 l’Isola di Ischia, in particolare i comuni di Casamicciola e Lacco Ameno.
Al momento la prefettura di Napoli ha confermato la morte di una sola persona, una donna rimasta coinvolta nel crollo della chiesa di Santa Maria del Suffragio, mentre la stampa – sia locale che nazionale – scrive di un secondo decesso a causa del sisma, seguito anche da un blackout di circa un quarto d’ora, che ha aumentato la paura degli abitanti e dei tantissimi turisti sull’isola.
39, secondo le ultime notizie, i feriti.
Diversi i crolli, soprattutto a Casamicciola. I soccorsi sono continuati tutta la notte. In base a quanto riportato dalla Protezione Civile, i soccorritori, dalle macerie della palazzina in località La Rita del comune di Casamicciola, hanno recuperato, in vita, il più piccolo dei bambini intrappolati, un neonato di 7 mesi.
Durante la notte, grazie a tre corse appositamente organizzate sotto il coordinamento del Comando generale delle Capitanerie di Porto, hanno lasciato l’isola 1.051 persone che sono state accolte a Pozzuoli dai volontari della Croce Rossa Italiana (CRI) prima di allontanarsi autonomamente.
Per coloro che, invece, hanno bisogno di assistenza sull’isola sono stati allestiti, nei due comuni maggiormente colpiti e nei porti di Casamicciola e Ischia, punti di prima assistenza da parte dei volontari di protezione civile della regione Campania e della Croce Rossa.
Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, insieme al Capo del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, Bruno Frattasi, si è da questa mattina sull’isola per svolgere in loco – dopo i continui contatti tenuti attraverso il Comitato Operativo nel corso della notte – una riunione operativa con le istituzioni locali per fare il punto sulla situazione. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi