LA RETE DI SICUREZZA SOCIALE DI EMERGENZA DELL'UE RAGGIUNGE UN MILIONE DI RIFUGIATI IN TURCHIA

LA RETE DI SICUREZZA SOCIALE DI EMERGENZA DELL

BRUXELLES\ aise\ - Il programma "rete di sicurezza sociale di emergenza", finanziato dall'Unione Europea, ha raggiunto un milione di rifugiati che vivono in Turchia. Avviato dalla Commissione Europea nel settembre 2016 e attuato dal Programma alimentare mondiale e dalla Mezzaluna rossa turca, in collaborazione con il governo turco, il programma faro dell'UE è l'operazione di assistenza umanitaria più ambiziosa di sempre finanziata dall'Unione Europea.
Il Commissario per gli Aiuti umanitari e la gestione delle crisi Christos Stylianides ha visitato ieri la Turchia.
"Questa giornata rappresenta una pietra miliare in termini di adempimento degli impegni assunti dall'Unione Europea nei confronti della Turchia e per i risultati, in grado di cambiare la vita delle persone, ottenuti dal nostro programma d'aiuti più ambizioso di sempre”, ha commentato Stylianides. “Abbiamo già fatto la differenza per un numero impressionante di persone, addirittura un milione. Grazie all'impegno e al lavoro dei nostri partner, l'impatto del programma è in continuo aumento. La Turchia continua ad ospitare la comunità di rifugiati più numerosa del mondo. È nostro dovere umanitario e morale aiutare i rifugiati che sono fuggiti alla guerra e alle persecuzioni”.
Il programma, del valore di 348 milioni di euro, è finanziato dallo strumento dell'UE per i rifugiati in Turchia. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi