Dal Cnr un Almanacco della Scienza sui nostri tempi “isolati”

ROMA\ aise\ - Mai come in questo periodo di pandemia siamo stati e ci siamo sentiti isolati, separati dalle persone care, costretti al distanziamento sociale. All’isola, intesa in senso metaforico e letterale, ed esaminata nei vari aspetti con il supporto dei ricercatori del Cnr, è dedicato il Focus dell’Almanacco della Scienza on line da oggi su www.almanacco.cnr.it.
Si parte dalla fragilità ambientale di questi luoghi e dell’ecosistema marino. Alessandro Lucchetti dell’Istituto per le risorse biologiche e le biotecnologie evidenzia come le operazioni di ripascimento e pulizia dei litorali dell’Elba minaccino la nidificazione della tartaruga Caretta caretta. Diego Fontaneto dell’Istituto di ricerca sulle acque e Francesco Primo Vaccari dell’Istituto per la bioeconomia parlano delle isole che hanno ospitato sedi carcerarie, destinazione che ne ha favorito la salvaguardia. Le “isole di plastica”, che invadono le acque mondiali, sono al centro dell’intervento di Stefano Aliani dell’Istituto di scienze marine.
Dell’origine geologica delle isole parla Andrea Billi dell’Istituto di geologia ambientale e geoingegneria; mentre Daniela Grassi dell’Istituto dei sistemi complessi parla di quelle “magnetiche”.
Infine, gli aspetti umanistici. Massimo Cultraro dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale illustra le motivazioni che hanno portato a eleggere Procida capitale italiana della cultura 2022 (l’isola flegrea è stata anche la prima Covid-free, come ricorda Giovanni Maga, direttore dell’Istituto di genetica molecolare). Paolo Squillacioti, direttore dell’Istituto Opera del vocabolario italiano, sottolinea la forte presenza delle isole nelle opere letterarie. Di isolamento in senso letterario abbiamo parlato anche nel Faccia a faccia con la scrittrice abruzzese Donatella Di Pietrantonio, che ha conquistato il secondo posto al premio Strega con “Borgo sud” (Einaudi).
Il tema torna in Altra ricerca, con le mostre “Isole”, “Capolavori della natura elbana” ed “Etna 1669. Storie di lava”, in corso rispettivamente a Roma, all’Elba e a Catania; e nelle Recensioni con “La vita a Venezia nel Medioevo” (Il Mulino) di Giorgio Ravegnani e “Venezia in numeri” (Editoriale Programma) di AlbertoToso Fei.
La webzine dell’Ufficio Stampa Cnr tornerà a settembre dopo la pausa estiva. (aise)