È MORTO GUIDO RAVENNA: IL RICORDO DELL’ASSOCIAZIONE PARTIGIANI OSOPPO

È MORTO GUIDO RAVENNA: IL RICORDO DELL’ASSOCIAZIONE PARTIGIANI OSOPPO

UDINE\ aise\ - Guido Ravenna, nato nel 1927 a Venezia, partigiano nella Quinta Brigata Osoppo in Valcellina con il nome di battaglia di “Furio”, è morto in questi giorni. Per questo, l’Associazione Partigiani Osoppo, ha voluto ricordarlo.
“Ravenna - scrive in una nota l’Associazione - apparteneva ad una famiglia ebraica. Dopo la guerra si laureò in ingegneria e visse per molti anni a Treviso. Solo alcuni anni fa si trasferì a Milano dove risiede la figlia Debora che lo ha assistito amorevolmente e dove è deceduto venerdì 31 luglio. Faceva parte di quel piccolo nucleo di amici che aveva vissuto la resistenza nella Valcellina al comando del capitano Pietro Maset, “Maso”, figura leggendaria che fu ucciso nell’aprile del 1945 a pochi giorni dalla fine della guerra”.
“Questo gruppo di amici - continua - rimase fedele al ricordo del loro comandante, e si ritrovò ogni anno a Scomigo, piccola frazione di Conegliano dove Maso è sepolto. Una fedeltà che ha suscitato ammirazione e stima, tanto che il momento di ricordo a Scomigo si è ampliato e consolidato e vede ogni anno la partecipazione di numerose persone oltre alle autorità cittadine”.
Infine, l’Associazione conclude: “Guido Ravenna ha sempre mantenuto fede a questo impegno e fin che ha potuto è stato presente, così come anche a numerose altre cerimonie della Osoppo. Negli ultimi anni non mancava di affrontare il viaggio in treno da Milano, pur di essere presente. Lo ricordiamo alla cerimonia commemorativa dell’eccidio delle malghe di Porzus del febbraio 2017”. (aise) 

Newsletter
Archivi