ATTIVO LO “SPORTELLO DIGITALE UNICO”

 Attivo lo “Sportello Digitale Unico”

ROMA\ aise\ - Dal 12 dicembre scorso il portale “Your Europe” è diventato lo “Sportello Digitale Unico”, cioè il punto di riferimento a disposizione di cittadini e imprese europei per accedere online a informazioni aggiornate e facilmente comprensibili nella lingua nazionale di ciascun Paese, essere reindirizzati ai servizi forniti dalle pubbliche amministrazioni, ricevere aiuto attraverso i diversi centri di assistenza.
Lo Sportello Digitale Unico è una delle iniziative più importanti per migliorare il mercato unico europeo favorendo una maggiore mobilità per cittadini ed imprese ed è significativo che venga lanciato in questo momento storico così critico. Per le pubbliche amministrazioni lo Sportello rappresenta anche uno strumento per comunicare con gli utenti con un linguaggio meno burocratico, più chiaro e semplificato. E questo rappresenta un valore aggiunto anche in termini di maggiore efficienza e tempestività.
Grazie allo Sportello Digitale Unico sarà più facile trovare informazioni sulle norme europee e nazionali applicabili a diversi eventi personali o professionali quali ad esempio i viaggi, il pensionamento, l'istruzione, l'occupazione, l'assistenza sanitaria. In caso di difficoltà o dubbi su queste norme, si potrà accedere anche ai servizi di assistenza e di risoluzione dei problemi.
La “trasformazione” dello sportello è, però, solo il primo passo di un cammino che troverà compimento anno dopo anno: nel 2022, infatti, saranno online anche le informazioni di competenza delle autorità locali mentre dal 12 dicembre 2023 una serie di servizi - come l'immatricolazione di un'auto, la richiesta di una borsa di studio o di prestazioni pensionistiche - saranno accessibili interamente online, senza più bisogno di ricorrere ai documenti cartacei.
In Italia, lo Sportello Digitale Unico coinvolge ben 19 siti web e sei centri di assistenza; al Dipartimento per le Politiche Europee il compito di assicurare il raccordo delle amministrazioni nazionali interessate con la Commissione europea.
Nel Dipartimento, inoltre, opera il Centro di assistenza per il riconoscimento delle qualifiche professionali. (aise) 

Newsletter
Archivi