A BERLINO IN "VIAGGIO TRA GLI ITALIANI ALL'ESTERO"

A BERLINO IN "VIAGGIO TRA GLI ITALIANI ALL

BERLINO\ aise\ - Lunedì 9 dicembre, alle ore 19, l'Istituto Italiano di Cultura a Berlino ospiterà la presentazione del volume "Viaggio tra gli Italiani all'Estero. Racconto di un Paese altrove", numero monografico della rivista Il Mulino 6/2018.
L’iniziativa, che si svolgerà in lingua italiana con traduzione simultanea, è organizzata dallo stesso Istituto in collaborazione con l’Ufficio Sociale dell'Ambasciata d'Italia ed il Com.It.Es Berlino.
Introdotto da Bruno Simili, l’incontro vedrà gli interventi in qualità di relatori di Silvia Bonapace, Fernando D’Aniello, Edith Pichler e Alessandro Cavalli.
Non è solo la tanto citata "fuga dei cervelli" che viene analizzata in questo volume. Ma più in generale il fenomeno di una nuova emigrazione, spesso non caratterizzata da lavori altamente qualificati. In particolare si parla di coloro che, in ragione della loro età, dovrebbero costituire l’architrave del Paese in cui sono nati. Quanti sono? Da dove vengono e dove vanno? Che cosa li ha spinti a lasciare l’Italia? Come vedono la loro esperienza di vita? Suddivisi per area geografica – dai principali Paesi che oggi accolgono l’emigrazione italiana in Europa alle aree meno scontate dell’Est europeo, al continente americano, all’Oceania, all’Africa, al Giappone – quaranta italiani che hanno scelto di vivere all’estero si raccontano in altrettante storie autobiografiche. Qualcuno torna. Ma per quasi tutti la vita prende una strada che li allontana progressivamente. È anche questo il segno di un declino che, per essere arrestato, richiede all’Italia una visione che possa ridare la fiducia nel futuro che in tanti hanno scelto di cercare altrove.
I racconti autobiografici sono preceduti da alcuni saggi di inquadramento sulle caratteristiche qualitative e quantitative dell’emigrazione italiana contemporanea e sono accompagnati da tre contributi dedicati rispettivamente alle forme di rappresentazione dell’emigrazione durante la grande epopea migratoria del secolo scorso, all’auto-narrazione all’epoca dei social network, alla rappresentazione cinematografica. (aise)


Newsletter
Archivi