A LONDRA UN CONCERTO PER SOSTENERE LA LOTTA AL CORONAVIRUS IN CINA – DI ANNAMARIA SANTUCCI

A LONDRA UN CONCERTO PER SOSTENERE LA LOTTA AL CORONAVIRUS IN CINA – di Annamaria Santucci

LONDRA\ aise\ - “Lo scorso fine settimana si è tenuto a Londra un concerto di beneficenza per raccogliere fondi da destinare alla battaglia contro il coronavirus in Cina. Intitolato “Together”, l’evento ha coinvolto numerosi artisti di fama internazionale che hanno voluto così sostenere Wuhan e la Cina nella lotta contro il virus”. Ne scrive Annamaria Santucci per “London One Radio”, emittente diretta da Philip Baglini.
“Il concerto, organizzato dal Bei Bei Wang, si è tenuto nella sede del National Liberal Club ed è iniziato con l’esibizione al pianoforte dell’artista Bazil Meade, cantante carismatico e di talento, direttore del London Gospel Choir di Londra.
Ad esibirsi, tra gli altri, anche il famoso cantante jazz italiano Christian Vinante, che ha interpretato “My Way”, e la cantante giamaicana e top model di fama internazionale Misty Bailey, che ha eseguito le sue canzoni originali; lo stilista e musicista Malan Breton ha portato un repertorio classico accompagnato da pianoforte e violoncello.
“Siamo un villaggio globale e il nostro cuore è con la Cina”, ha detto Breton.
Beibei Wang, soprano e direttore artistico dello UK Chinese Choir, ha eseguito due arie dell’opera “Butterfly Lovers” – leggenda cinese molto popolare - composte e accompagnate dal compositore italiano Andrea Granitzio.
Alla fine del concerto, Wang e altri artisti internazionali hanno cantato il brano “Together”, a cui si è ispirato tutto l’evento, composto per l’occasione dal compositore cinese britannico Jiang Li, proprio per supportare i medici e le infermiere che lavorano a Wuhan. Il concerto di beneficenza si è concluso con il canto di “My Motherland and Me” da parte degli artisti e del pubblico.
“Anche se sono preoccupato, credo che l’alba non sia lontana. Rafforzando la comprensione e la cooperazione in tutto il mondo, possiamo certamente superare questa improvvisa epidemia e il mondo diventerà più pacifico e più amorevole”, ha dichiarato Wang.
Anche il compositore e pianista italiano Andrea Granitzio si è esibito durante il concerto, e ha espresso piena solidarietà e comprensione al popolo cinese: “ho molti amici in Cina, perché ho vissuto lì per due mesi. Ogni giorno sono in contatto con loro. Condividiamo tutti la stessa situazione”.
L’evento è stato seguito in diretta streaming da 120.000 persone”. (aise) 

Newsletter
Archivi