ALLARME UNICEF: NEL 2019 4.000 BAMBINI MIGRANTI HA ATTRAVERSATO LA PERICOLOSA GIUNGLA TRA COLOMBIA E PANAMA

ALLARME UNICEF: NEL 2019 4.000 BAMBINI MIGRANTI HA ATTRAVERSATO LA PERICOLOSA GIUNGLA TRA COLOMBIA E PANAMA

© UNICEF/UNI308578/Urdaneta

ROMA\ aise\ - Secondo l’UNICEF, il numero di bambini migranti che hanno attraversato il Darien Gap, un’area selvatica che separa la Colombia dall’America Centrale, è aumentato di oltre 7 volte dai 522 nel 2018 ai 4.000 nel 2019. Circa il 50% dei bambini ha meno di 6 anni. I migranti che hanno attraversato nel 2019 provenivano da oltre 50 Paesi diversi, tra cui India, Somalia, Camerun, Repubblica Democratica del Congo e Bangladesh. Questi numeri si basano sui dati dei servizi nazionali di migrazione.
L’UNICEF ha allertato sui gravi rischi che affrontano i bambini migranti e le loro famiglie che affrontano questo viaggio pericoloso, fra cui la mancanza di accesso ad acqua sicura e l’esposizione a pericoli naturali, animali pericolosi, rapine, abusi e sfruttamento.
"Il drammatico aumento del numero di bambini migranti che attraversano il Darien Gap sottolinea la necessità immediata di agire per proteggere questi bambini e assicurare loro l’accesso a servizi essenziali come assistenza sanitaria, acqua e servizi per l’igiene", ha dichiarato Kyungsun Kim, rappresentante dell’UNICEF a Panama. "Ciò richiede azioni coordinate e più forti dei governi e degli attori umanitari sul campo per rispondere al flusso di bambini migranti e ai loro bisogni".
I migranti che arrivano a Panama dopo aver attraversato il Darien Gap vengono ricevuti nella Stazione per l’accoglienza dei migranti (ERM) di La Peñita, nella provincia di Darien, una delle province meno sviluppate di Panama. Vengono poi trasferiti dalle autorità per le migrazioni all’ERM di Los Planes nella provincia di Chiriqui, al confine col Costa Rica. La maggior parte di loro continuerà verso Nord, nella speranza di raggiungere gli Stati Uniti o il Canada.
L’UNICEF e i suoi partner supportano gli sforzi nazionali per proteggere i bambini migranti e rifugiati che attraversano Panama. Questo lavoro include lo sviluppo di capacità locali e nazionali, attuando al contempo i seguenti interventi: la fornitura di aiuti umanitari, visite per il controllo dello status nutrizionale, visite per la gravidanza e assistenza sanitaria per i migranti che arrivano; l’installazione di sistemi idrici che portano oltre 30.000 litri di acqua sicura al giorno per i migranti, le comunità ospitanti, le scuole e le istituzioni governative; il supporto al miglioramento delle condizioni sanitarie e pratiche igieniche; lo sviluppo di spazi a misura di bambino in cui i bambini migranti e del luogo possano giocare e ricevere supporto psicosociale e per la prima infanzia e in cui le madri possano riposare e allattare i loro bambini in sicurezza.
Visto che ci si aspetta che il numero di bambini migranti che attraversano il Darien Gap aumenti, l’UNICEF continuerà ad essere sul campo, fornendo servizi idrici e igienico-sanitari, per la salute e la protezione dei bambini per il resto del 2020. Ciò aiuterà a rafforzare le capacità locali e nazionali di rispondere ai bisogni non solo dei bambini migranti, ma anche di coloro che vivono nelle comunità ospitanti.
Intanto però l’UNICEF chiede ai governi e alla comunità internazionale di agire immediatamente per aiutare a proteggere tutti i bambini rifugiati e migranti, fra cui: affrontare le cause che spingono i bambini ad abbandonare le loro case; garantire l'accesso all'istruzione, all'assistenza sanitaria e ad altri servizi essenziali per tutti i bambini migranti; tenere unite le famiglie; porre fine alla detenzione dei bambini migranti e mettere in atto misure di assistenza alternative; sradicare la xenofobia e la discriminazione; proteggere i bambini migranti dallo sfruttamento e dalla violenza. (aise)


Newsletter
Archivi