ASSOCIAZIONI E DINTORNI

ASSOCIAZIONI E DINTORNI

ROMA – focus/ aise - Torniamo sul tema associazioni e continuiamo a vedere alcune delle attività dell’ultimo periodo. L’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, la Federazione delle Associazioni degli Esuli istriani, fiumani e dalmati ed il Comune di Trieste organizzano la commemorazione di Norma Cossetto, "luminosa testimonianza di coraggio e di amor patrio", come recita la motivazione della Medaglia d’oro alla memoria conferitale dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.
La cerimonia del 76° anniversario del suo martirio si è svolto lo scorso 4 ottobre, alle ore 17.30, presso il monumento della giovane studentessa istriana in via Norma Cossetto 2 a Trieste.
C’è stato l’intervento del sindaco del capoluogo giuliano, Roberto Dipiazza, e l’accompagnamento della banda del Comitato provinciale di Trieste dell’ANVGD. Andiamo ora a Bruxelles dove l’Associazione Nazionale degli Insigniti dell’Ordine al Merito delle Repubblica Italiana (ANCRI), impegnata da qualche mese a Bruxelles, dove ha un delegato per il Belgio, l’Unione Europea e la NATO, ha deciso di istituire il progetto “Cittadini Virtuosi”per premiare il coraggio e la solidarietà dei piccoli eroi di ogni giorno.
Contrariamente agli stereotipi dell’eroe sul campo di battaglia, o in azioni al di fuori del comune, ci sono tanti eroi del quotidiano, che svolgono la loro azione al di fuori dei riflettori e con gesti ispirati dalla loro umanità e spirito di servizio.
Vi sono tante storie, tra quelle che spesso la cronaca relega in poche righe nella colonna delle "brevi", che nascondono gesti di grande coraggio, onestà o solidarietà.
Esempi di senso civico che l’Associazione dei benemeriti della Repubblica vuole mettere in evidenza, in Italia ma anche all’estero, tra la numerosa comunità italiana nel mondo, in maniera semplice, nel clima informale che caratterizza lo stile degli associati: un incontro con tutti gli insigniti OMRI, una stretta di mano e un piccolo messaggio simbolico.
Si tratta di bellissimi esempi che vede l’ANCRI mano nella mano con persone che compiono gesti quotidiani di grande audacia, ma anche di semplice onestà e solidarietà.
Cittadini che in tante occasioni, dando l’allarme hanno messo in condizione gli agenti del pronto intervento di arrestare autori di furti e rapine, ma spesso hanno anche permesso anche di salvare delle vite in operazioni di soccorso pubblico.
Persone che hanno aiutato le forze dell'ordine nel loro lavoro e contribuito al bene pubblico
Esempi positivi che l’ANCRI vuole premiare anche per creare un effetto emulativo, e ricordare che gli italiani non sono solo i protagonisti della cronaca nera che troppo spesso occupa i titoli dei nostri giornali. Dando spesso un’idea alterata e pessimista del nostro Paese, noto anche nella critica cinematografica troppo spesso solo per film che parlano di criminalità organizzata e di violenza.
L’ANCRI vuole fare apparire nelle cronache, e dare voce anche al semplice cittadino che ha bloccato l’autore di un reato, o che ha trovato soldi in strada e li ha consegnati alla polizia. A chi ha salvato una persona in pericolo e a chi ha attivato i soccorsi, spesso evitando una tragedia.
È il caso di Carlo Santucci, giovane medico romano, che di ritorno da una gita in Austria sul treno Lienz-San Candido è stato protagonista di un salvataggio nei confronti di una signora di quarant’anni anni, vittima di un arresto cardiaco. Carlo per oltre 40 minuti ha praticato il massaggio cardiaco, tenendo in vita la donna fino all’arrivo dell’elicottero del 118 austriaco, che ha potuto trasportare la signora nel più vicino centro di rianimazione. Un lungo applauso da parte dei tanti viaggiatori del treno che nel frattempo si era fermato, ha salutato il salvataggio del giovane medico romano che ha consentito, grazie alla sua tenacia, di salvare la vita della signora.
Il progetto “Cittadini virtuosi” rientra nel quadro delle finalità statutarie dell’ANCRI, che opera per divulgare, a tutti i livelli e in ogni forma, i principi e i valori della Costituzione Italiana, specialmente quelli incarnati nei simboli della Repubblica. E tra questi sono compresi anche quelli della costruzione europea, soprattutto per quanto attiene gli articoli 10 e 11 della nostra Costituzione.
Con il progetto “Cittadini virtuosi” il presidente nazionale dell’ANCRI, il Cavaliere Ufficiale Tommaso Bove, e il prefetto Francesco Tagliente, delegato nazionale ai rapporti istituzionali del Sodalizio, impegnano tutti gli Insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana iscritti all’Associazione, ad una azione costante a tutela della persona, della famiglia, della scuola, del lavoro, dello sviluppo economico nei diversi campi dell’agire umano, delle professioni, della ricerca, della cultura e delle arti, del servizio nello Stato, nell’azione sociale, umanitaria e filantropica.
Prossimamente un evento dell’Associazione avrà luogo anche a Bruxelles, a ricordo del fatto che i principali valori di pace, libertà e legalità, della costruzione europea sono scritti nella nostra Carta e che i patrioti italiani non possono non essere anche patrioti europei. E come tali non possono non impegnarsi a migliorare, l’Italia come l’Europa, senza mai metterne discussione l’unità nazionale e quella di un’Europa della pace che ripudi per sempre i bagni di sangue del secolo scorso. Voliamo a Las Palmas dove la serietà, l’impegno, la professionalità, la responsabilità sono quelle caratteristiche che contraddistinguono lo spessore di una persona. Se poi il valore della sua opera viene anche riconosciuto dalle autorità, allora questa persona è anche meritevole per aver operato negli interessi della società nella quale vive". La persona cui Giuseppe Bucceri, presidente APICE, si riferisce è il console onorario d’Italia a Gran Canaria, José Carlos De Blasio.
"La sua attività", spiega Bucceri, "lo vede impegnato a Las Palmas (Gran Canaria), Fuerteventura e Lanzarote e la sua collaborazione, oltre che con i propri connazionali (italiani), si è rilevata anche a favore delle comunità locali".
"Il suo senso civico lo ha contraddistinto in modo inequivocabile fino al punto che il Jefe Superior de Policia de Canarias (il capo superiore della Polizia Canaria) gli ha concesso una menzione onorifica con la seguente motivazione: per la sua sempre valida collaborazione con questa Autorità Superiore di Polizia".
La cerimonia di consegna dell’onorificenza si è tenuta nel pomeriggio dello scorso 2 ottobre, presso il teatro Cuyás a Las Palmas di Gran Canaria.
Ancora una volta l’APICE, nella persona del presidente Bucceri, ha rivolto al console De Blasio le proprie "congratulazioni per il prestigioso riconoscimento. Chi vive sull’isola", sottolinea Bucceri, "già apprezza il lavoro preciso ed esaustivo. Ricordiamo l’altro alto riconoscimento nell’ambito del Premio Letterario "Utpicturapoesis" che si terrà nella città di Firenze il 13 ottobre 2019 che vedrà ancora una volta protagonista il console De Blasio". (focus\aise) 

Newsletter
Archivi