BREXIT/ JUNCKER: NELLA PROPOSTA DI JOHNSON PASSI AVANTI E PUNTI PROBLEMATICI

BREXIT/ JUNCKER: NELLA PROPOSTA DI JOHNSON PASSI AVANTI E PUNTI PROBLEMATICI

BRUXELLES\ aise\ - Il Primo ministro britannico Boris Johnson ha telefonato ieri pomeriggio al Presidente uscente – ma ancora in carica - della Commissione europea Jean-Claude Juncker per illustrargli i contenuti dell'ultima proposta del Regno Unito in vista della Brexit, che comprende un testo giuridico, una nota esplicativa e una lettera del Primo ministro.
In seguito alla telefonata, la Commissione Ue ha rilasciato una dichiarazione in cui si legge che Juncker “ha accolto con favore i progressi positivi contenuti nella proposta del Regno Unito, ma vi ha anche riscontrato alcuni punti problematici, che richiedono un'ulteriore revisione da parte del Regno Unito”. Il Presidente della commissione ha sottolineato anche che “l'accordo di recesso necessita di una soluzione giuridicamente operativa che soddisfi tutti gli obiettivi del "backstop" – prevenire la creazione di una frontiera fisica, preservare la cooperazione nord-sud e l'economia panirlandese e proteggere il mercato unico dell'UE e il ruolo dell'Irlanda al suo interno – e non di accordi da sviluppare e concordare durante il periodo di transizione”.
Questo pomeriggio Juncker incontrerà Taoiseach Leo Varadkar e ribadirà la “forte unità dell'UE e la solidarietà nei confronti dell'Irlanda”. Più tardi, sempre oggi pomeriggio, Michel Barnier, Capo negoziatore della Commissione europea, informerà i 27 ambasciatori dell'UE al Coreper.
La Commissione sta analizzando il testo della proposta e a breve saranno programmate altre riunioni con il Regno Unito. (aise) 

Newsletter
Archivi