CHE COS'È IL SUSSIDIO COVID-19 E CHI PUÒ FARE DOMANDA - DI NICK BAKER E CHIARA PAZZANO

CHE COS

MELBOURNE\ aise\ - “In scene che ricordano la Grande Depressione, questa settimana centinaia di australiani disoccupati hanno fatto la fila per ore davanti agli uffici del Centrelink di tutto il Paese”. Siamo in Australia e a parlare di Coronavirus e del sussidio stanziato dal governo locale per rispondere alla crisi è SBS Italian, lo Special Broadcasting System che diffonde notizie in lingua italiana in tutto il Paese, in un articolo a firma di Nick Baker e Chiara Pazzano.
“L'epidemia di COVID-19 ha già causato la perdita di molti posti di lavoro quando varie aziende hanno chiuso e il settore bancario ha ammonito che oltre 800.000 posti di lavoro potrebbero sparire nel giro di pochi mesi.
Quale tipo di sostegno sarà disponibile agli australiani che hanno perso il lavoro?
Domenica scorsa, il governo federale ha annunciato che sia persone che già ricevevano il sussidio del governo, che persone che lo richiederanno per via del virus, avranno diritto a $550 in più ogni due settimane, il che significa che alcuni pagamenti di assistenza sono raddoppiati.
Il governo ha reso noto che il supplemento sarà fornito alle persone che stanno già ricevendo i seguenti tipi di pagamenti:
Pagamento JobSeeker (che in precedenza era noto come NewStart Allowance)
Sickness Allowance (Indennità di malattia)
Youth Allowance for jobseekers (Indennità per giovani in cerca di lavoro)
Parenting Payment Partnered (Pagamento di genitorialità associato)
Parenting Payment Single (Pagamento per il genitori separati)
Partner Allowance (Indennità per i partner)
Sickness Allowance (Indennità di malattia)
Farm Household Allowance (Indennità familiare)
Lunedì il governo ha deciso di includere anche coloro che stanno ricevendo la Youth Allowance (indennità per giovani in cerca di lavoro), Austudy e Abstudy, il che significa che anche gli apprendisti e gli studenti possono richiedere per il sussidio.
Il ministro dei servizi sociali Anne Ruston ha affermato che ciò è stato fatto “in riconoscimento del fatto che molti studenti, in particolare quelli che si mantengono da soli, hanno entrate anche grazie a lavori occasionali per pagare le rette universitarie”.
I pagamenti extra di $550 entreranno in vigore il 27 aprile e dureranno per sei mesi.
Come si può accedere a questi pagamenti?
Per chi sta già ricevendo il JobSeeker Payment o uno qualsiasi degli altri sussidi di assistenza, il coronavirus supplement verrà aggiunto automaticamente il mese prossimo.
Invece gli australiani che hanno perso il lavoro dovranno fare domanda a Centrelink.
È importante sottolineare che l'ammissibilità per il JobSeekers Payment e la Youth Allowance è stata ampliata e quindi li si può richiedere se: se è un lavoratore a tempo indeterminato che ha perso il lavoro temporaneamente o permanentemente; se è un lavoratore indipendente, casual o a contratto il cui stipendio si è ridotto; ci si sta prendendo cura di qualcuno malato di coronavirus.
Il governo ha cancellato il test dei beni immobili e il periodo di attesa, ma soltanto individui che guadagnano meno di $1,075 ogni due settimane potranno ricevere il sussidio. Ma il processo di candidatura non è semplice.
Gli uffici del Centrelink non sono in grado di gestire la domanda e i tempi di attesa per telefono sono di ore, quindi il governo sollecita i nuovi richiedenti di assistenza sociale a presentare domanda online tramite il sito web MyGov.
“Il bisogno più acuto ovviamente è per le persone che non hanno alcun reddito e stanno arrivando al Centrelink per la prima volta... Persone che stanno perdendo il lavoro mentre parliamo”, il capo dell'Australian Council of Social Services Cassandra Goldie ha riferito alla ABC News.
“C'è un numero enorme di persone che si trova in questa situazione ... Dobbiamo assicurarci che il portale online abbia la massima capacità e al telefono diamo priorità alle persone che non possono collegarsi via internet”.
La maggior parte dei titolari di visti temporanei non sarà in grado di accedere a questi pagamenti di assistenza.
Centinaia di migliaia di neozelandesi in Australia potrebbero rientrare in questa categoria, poiché la maggior parte sono considerati migranti temporanei a causa delle leggi sull'immigrazione dell'epoca di John Howard.
Martedì, la premier neozelandese Jacinda Ardern ha dichiarato di aver contattato il primo ministro australiano Scott Morrison per ottenere un'esenzione a breve termine.
“Affinché anche i neozelandesi possano essere sostenuti in queste circostanze eccezionali. E per garantire la conformità in un momento in cui abbiamo bisogno che tutti si isolino se necessario, ad esempio”, ha detto ai giornalisti.
Martedì un portavoce dell'ufficio del senatore Ruston ha confermato a SBS News che gli studenti internazionali non potranno accedere ai pagamenti di assistenza.
In una dichiarazione, la rete IRU (Innovative Research Universities) ha espresso costernazione.
“L'IRU è preoccupata per il fatto che molti studenti internazionali, che non sono eleggibili per il supplemento di coronavirus, potrebbero avere difficoltà a far quadrare i conti durante l'attuale crisi, in particolare perché gli studenti internazionali hanno poche opzioni di sostegno se perdono il lavoro part-time”.
Il senatore Ruston sta esaminando tutte le categorie di visti per vedere se ci sono alcuni lavoratori stranieri ai quali dovrebbe venire concesso l'accesso, ma non ancora sono state prese delle decisioni.
Il governo ha promesso di assumere 5.000 dipendenti in più a Centrelink per far fronte alla forte domanda”. (aise)


Newsletter
Archivi