CORONAVIRUS: L’AMBASCIATORE FERRARI SCRIVE AI CONNAZIONALI IN CINA

CORONAVIRUS: L’AMBASCIATORE FERRARI SCRIVE AI CONNAZIONALI IN CINA

PECHINO\ aise\ - “Cari connazionali, desidero esprimere a tutti voi la mia personale vicinanza in questa difficile situazione di emergenza sanitaria che ha colpito la Cina. A nome mio e di tutto il personale della rete diplomatico-consolare italiana in Cina, desidero rassicurarvi sulla piena operatività e disponibilità dei nostri Uffici, impegnati sin dall’inizio dell’emergenza sanitaria ad assistere tutti i cittadini italiani che richiedano il nostro supporto sul territorio cinese. Agiamo in stretto raccordo con le Autorità cinesi e continueremo a farlo finché sarà necessario”. Inizia così il messaggio che Luca Ferrari, Ambasciatore d’Italia in Cina, ha indirizzato ieri ai connazionali per aggiornarli sulle operazioni effettuate dalla sede diplomatica, e rassicurarli sulla “piena operatività” della rete consolare.
“Nelle scorse settimane – scrive Ferrari – sono state migliaia le richieste di assistenza che l’Ambasciata e i Consolati Generali hanno ricevuto da parte di italiani residenti in Cina o anche solo temporaneamente in visita, nonché da loro familiari in Italia. Per fare fronte ai sempre più numerosi quesiti, abbiamo attivato linee di emergenza aggiuntive e operative h24 che ci hanno consentito di prestare assistenza a chiunque ne abbia manifestato la necessità. I nostri canali web e i nostri profili sui social media sono costantemente e tempestivamente aggiornati al fine di assicurare la più ampia e puntuale circolazione delle informazioni ufficiali a disposizione”.
“Nei giorni scorsi – ha aggiunto l’ambasciatore – abbiamo portato a compimento con successo due operazioni per riportare in Italia alcuni nostri concittadini bloccati a Wuhan. Sono state azioni complesse condotte dall’Ambasciata in coordinamento con l’Unità di Crisi della Farnesina, il Ministero della Difesa e il Ministero della Salute”.
L’ambasciatore, quindi, invita i connazionali “a prestare la massima attenzione alle misure precauzionali indicate dalle Autorità locali e a continuare a fare riferimento ai nostri Uffici per ogni necessità. A voi, cari connazionali, - conclude – vanno i miei più calorosi saluti in questo momento di particolare difficoltà e l’espressione di vicinanza mia e di tutti i miei collaboratori”. (aise) 

Newsletter
Archivi