DALLE UNIVERSITÀ A PAPEROPOLI PER PROMUOVERE LA SCIENZA AL FEMMINILE

DALLE UNIVERSITÀ A PAPEROPOLI PER PROMUOVERE LA SCIENZA AL FEMMINILE

foto Fondazione Bracco

TORINO\ aise\ - Dalle aule del Politecnico di Torino e dell’Università degli Studi di Bari a Paperopoli per una buona causa. Barbara Caputo, docente di Ingegneria informatica nell’Ateneo torinese, e Luca Torsi, docente di Chimica dell'università pugliese, hanno debuttato su Topolino nella storia intitolata “Paperina e la selezione scientifica”.
Un’iniziativa particolare, realizzata con l’avvicinarsi della Giornata Internazionale della Donna nell'ambito del programma “I talenti delle donne”, promosso dal Comune di Milano e dalla Fondazione Bracco per valorizzare i ruoli femminili nelle diverse discipline creative e sottolineare i mutamenti della società, sempre più inclusiva anche nelle discipline STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics).
“Paperina e la selezione scientifica”, scritta da Gaja Arrighini e con i disegni di Silvia Ziche, ci porta nel “Club delle Ragazze” di Paperopoli, dove Paperina invita due scienziate della Quack Foundation della Calisota Valley, che riusciranno a conquistare con i loro racconti e le loro scoperte i personaggi del fumetto.
La storia e l’approfondimento del numero 3354 di Topolino intendono dare spazio alla scienza vista dalla prospettiva femminile, anche con un’intervista doppia a Caputo e Torsi. Le due ricercatrici, lasciate le “piume” da abitanti di Paperopoli, spiegano a giovani - lettrici e lettori - la loro missione: fanno parte del progetto “#100esperte”, una banca dati online creata dall'Osservatorio di Pavia con l’associazione Gi.U.Li.A., sviluppato dalla Fondazione Bracco con il supporto della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, che contiene i profili di oltre 220 esperte di STEM, settore strategico per lo sviluppo economico e sociale, ma purtroppo storicamente poco rappresentato dalle donne. (aise) 

Newsletter
Archivi