DIABETE E DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI: A STOCCOLMA IL SUMMIT ITALIA-SVEZIA PROMOSSO DALL’AMBASCIATA

DIABETE E DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI: A STOCCOLMA IL SUMMIT ITALIA-SVEZIA PROMOSSO DALL’AMBASCIATA

STOCCOLMA\ aise\ - Si è svolto oggi, 14 ottobre, a Stoccolma il primo Summit Italia-Svezia sulla Salute sul tema del Diabete e delle Malattie cardiovascolari. Il summit, ospitato dal Nobel Forum del rinomato Policlinico Universitario Karolinska Institutet, è stato organizzato dall’Ambasciata d’Italia a Stoccolma in collaborazione con Francesco Cosentino, docente dell’Unità di Cardiologia dell’Istituto Karolinska, e con il supporto di AstraZeneca.
Il Summit segna un rafforzamento del partenariato tra l’Italia e la Svezia nel settore della ricerca medica e del conseguimento di risultati significativi in campo scientifico. L’evento – promosso anche per facilitare lo scambio di esperienze e consolida la cooperazione interdisciplinare ed interregionale - ha fornito un utile contributo alle autorità ed enti competenti per l’adozione di protocolli finalizzati alla prevenzione di tali malattie. Secondo i dati forniti dall’OMS, le malattie cardiovascolari rappresentano infatti la prima causa di morte al mondo con 17,9 milioni di decessi nel 2016 (31% del totale), mentre il numero di persone affette da diabete è aumentato da 108 milioni nel 1980 a 422 milioni nel 2014.
Oltre 20 delegati, relatori sia italiani che internazionali, si sono alternati sullo stesso palco per offrire un ampio raggio di prospettive sulle tematiche collegate alla salute ed al benessere sociale, su tali patologie.
Il programma del Summit si è incentrato su quattro temi in particolare: Ricerca e riconoscimenti accademici; Innovazione e definizione delle linee guida per l’educazione sanitaria e la prevenzione; Adozione di norme di buona condotta nell’area dell’innovazione, della riduzione dei costi e della sicurezza dei pazienti; Programmi di cooperazione ed investimenti bilaterali.
Ad aprire i lavori il saluto dell’Ambasciatore d’Italia in Svezia, Mario Cospito, e gli interventi del Sottosegretario alla Salute, Sandra Zampa, della rappresentante del Governo svedese per le “Scienze Vive”, Jenni Nordborg, del Vice Presidente di Assolombarda Sergio Dompé e del Presidente dell’Associazione delle aziende farmaceutiche svedesi, Anders Blanck.
“L’evento di oggi è un ulteriore passo verso la piena attuazione del programma esecutivo di cooperazione scientifica tra Italia e il Regno di Svezia e rispecchia altresì i contenuti dell’accordo di collaborazione tra Karolinska Institutet e Università La Sapienza di Roma”, ha commentato il Sottosegretario Sandra Zampa. “Mi auguro che il frutto di questa collaborazione tra i due Paesi porti a soluzioni sempre più innovative e avanzate per la gestione dei pazienti cronici, una delle sfide più impegnative che abbiamo davanti”.
A sua volta, il Vice Presidente di Assolombarda Sergio Dompé ha sottolineato l’importanza della collaborazione tra i due Paesi, ai vertici dell’eccellenza mondiale nel settore delle “Scienze Vive”. “Per garantire lo sviluppo di questa filiera, come Assolombarda abbiamo ideato il progetto Life Sciences Hub. Si tratta di un’iniziativa nata con l’obiettivo di sostenere le imprese pubbliche e private delle life sciences e rafforzare la competitività del nostro Sistema Sanitario Regionale nel mondo”, ha commentato Dompé.
In chiusura della intensa giornata di lavori, sono saliti sul palco il Direttore Generale del CNR svedese, Sven Stafstrom ed i Rettori del Karolinska Institute, Ole Petter Ottersen e dell’Università la Sapienza di Roma, Eugenio Gaudio che hanno firmato di recente un Memorandum di Intesa volto al rafforzamento dello scambio accademico, l'interscambio culturale e la cooperazione in ambito di insegnamento e ricerca.
Grande soddisfazione è stata espressa dall’Ambasciatore Cospito che ha fortemente voluto questa importante occasione di incontro tra i due Sistemi Paese e che conta di ripetere l’esperienza con la seconda edizione il prossimo anno in Italia. (aise) 

Newsletter
Archivi