DIRETTORE IIC PARIGI CERCASI: PROROGATI I TERMINI DEL BANDO

DIRETTORE IIC PARIGI CERCASI: PROROGATI I TERMINI DEL BANDO

PARIGI\ aise\ - È stato pubblicato e dopo pochi giorni prorogato il bando per la selezione del nuovo direttore "di chiara fama" dell'Istituto Italiano di Cultura di Parigi.
La scadenza per la presentazione delle manifestazioni di disponibilità, inizialmente prevista per l'11 maggio, è stata posticipata alle ore 12 del 2 luglio 2020. Ciò, spiega in una nota l'Ambasciata d'Italia in Francia, in seguito alle disposizioni previste dal DL 18/2020 varato per l'emergenza Coronavirus.
La procedura di selezione di un direttore "di chiara fama" è istituita dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ai sensi dell’art.14, comma 6 della legge 401/1990.
Il direttore "di chiara fama" è nominato per un periodo di due anni, rinnovabili per una sola volta per un altro biennio. Il trattamento economico non ha natura retributiva ed è assimilato a quello del primo consigliere d'Ambasciata.
Tra i requisiti richiesti vi sono la cittadinanza italiana, una età compresa fra i 30 e i 65 anni, un elevato prestigio culturale, la conoscenza del contesto in cui si andrà a ricoprire l'incarico, dunque anche una conoscenza della lingua locale olter che dell'inglese ed elevate competenze tanto nella gestione di risorse umane e finanziarie quanto nella promozione della lingua italiana, del design, della moda, della cucina, del turismo culturale, del patrimonio culturale e artistico italiano, della scienza, tecnologia e innovazione, del sistema universitario, del cinema e dello spettacolo (danza, musica, teatro) oltre che dell'arte italiana.
Il candidato più ideneo sarà scelto da una apposita commissione nominata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e composta da cinque membri – tra i quali un magistratoo un avvocato dello Stato e non più di un membro della DG per la Promozione del Sistema Paese della Farnesina – individuati secondo criteri di competenza, imparzialità e rotazione e nel rispetto del principio di parità di genere.
Sarà lo stesso Ministero degli Affari Esteri a dare notizia della scelta del nuovo direttore. (aise)


Newsletter
Archivi