FESTA DELLA REPUBBLICA: IL 5 GIUGNO LA CELBERAZIONE A PECHINO/ IL MESSAGGIO DELL’AMBASCIATORE SEQUI AI CONNAZIONALI

FESTA DELLA REPUBBLICA: IL 5 GIUGNO LA CELBERAZIONE A PECHINO/ IL MESSAGGIO DELL’AMBASCIATORE SEQUI AI CONNAZIONALI

PECHINO\ aise\ - “Sono particolarmente lieto di rivolgere a tutti voi gli auguri per la Festa del 2 giugno, la Festa di tutti gli italiani. Celebriamo oggi il 73mo anniversario della nascita della Repubblica italiana, fondata sui valori di libertà, giustizia, lavoro, uguaglianza che sono, ancora oggi, il fondamento della coesione della nostra società e i pilastri su cui poggia la costruzione dell’Europa”. Inizia così il messaggio che l’Ambasciatore Ettore Sequi ha indirizzato ieri ai connazionali residenti in Cina, in occasione della Festa della Repubblica. Festa che a Pechino verrà celebrata mercoledì prossimo, 5 giugno, in Ambasciata dalle 19.00.
Citando il Presidente Mattarella - “il 2 giugno è la Festa degli Italiani, è il simbolo del ritrovamento della libertà e della democrazia da parte del nostro popolo. È un appuntamento che rinsalda da parte dei cittadini la loro adesione leale e il loro sostegno all’ordinamento repubblicano, nella sua articolazione, allo stesso tempo unitaria e rispettosa delle autonomie, sociali e territoriali” – Sequi sottolinea nel messaggio che “queste importanti celebrazioni cadono in un momento particolarmente dinamico per le relazioni tra Italia e Cina, di cui la Comunità italiana è testimone e attore di primo piano. Oggi in Cina si vivono straordinari cambiamenti e si scrive il futuro. L’Italia vuole essere presente, ed è presente, grazie innanzitutto all’azione di chi come voi è attore quotidiano del rapporto tra i nostri due Paesi”.
“Siete, qui in Cina, i migliori testimoni dell’ingegno, della operosità e della creatività italiani”, prosegue l’Ambasciatore. “Grazie al vostro fondamentale apporto, l’Italia oggi è percepita in Cina come modello di bellezza culturale, artistica, attore di primo piano nel settore della scienza, della tecnologia, dello spazio, della sanità, della robotica, della ricerca applicata, del diritto, dell’economia. La Cina guarda al nostro Paese con profondo rispetto e sincera ammirazione innanzitutto grazie al vostro contributo”.
“Sempre più giovani italiani sono in Cina, spesso attratti da una cultura affascinante e da opportunità ancora poco note nel nostro Paese, e che qui hanno trovato la chiave per realizzare le proprie aspirazioni professionali e personali”, ricorda ancora il diplomatico che ai connazionali dice: “dovete sentirvi fieri e orgogliosi di rappresentare un Paese come l’Italia dalla storia millenaria ma che guarda al futuro. Al tempo stesso, avete una grande responsabilità: da voi dipende la percezione dell’Italia in Cina e tutti voi, nei vostri rispettivi settori di attività, siete autorevoli rappresentanti dell’Italia”.
Oggi, si legge ancora nel messaggio, “le relazioni tra l’Italia e la Cina conoscono una fase di straordinaria vitalità e di dinamismo senza precedenti, mentre ci avviciniamo al cinquantesimo anniversario dello stabilimento delle nostre relazioni diplomatiche, nel 2020. Le recenti visite del Presidente Xi Jinping in Italia e del Presidente Giuseppe Conte in Cina hanno segnato un momento fondamentale e hanno consentito di seminare per il futuro. Il flusso di visite senza precedenti mira a offrire opportunità concrete alle nostre imprese, che guardano al mercato cinese con sempre maggiore attenzione. Vogliamo e possiamo fare di più, vogliamo assicurare un salto di qualità”.
“In un Paese di queste dimensioni – sottolinea Sequi – dobbiamo essere capaci di fare sistema, anche per preparare al meglio l’anniversario del 2020 e soprattutto per sostenere il vostro impegno quotidiano, i vostri sogni e le vostre aspirazioni. A tutti voi, - conclude – i miei migliori auguri per la Festa della nostra Repubblica”. (aise) 

Newsletter
Archivi