FRONTALIERI LOMBARDI: 12.5 MILIONI ALLE PROVINCE DI CONFINE IN ARRIVO PER IL RISTORNO FISCALE DELL'ANNO 2017

FRONTALIERI LOMBARDI: 12.5 MILIONI ALLE PROVINCE DI CONFINE IN ARRIVO PER IL RISTORNO FISCALE DELL

MILANO\ aise\ - Oltre 12,5 milioni assegnati alla Regione Lombardia per l'anno 2017 e derivante dal ristorno fiscale delle imposte a carico dei lavoratori frontalieri, alle Province di Como, Lecco, Sondrio e Varese. Sono le risorse, attribuite a titolo di compensazione finanziaria a Regione Lombardia, previsto da un accordo siglato nel 1974 tra Italia e Svizzera, che verranno erogate alle Province di confine, come stabilito dalla delibera approvata oggi dalla Giunta regionale.
L'importo, determinato sul numero di residenti frontalieri pari a 10.899, di cui 4094 provenienti dalla provincia di Como, 69 dalla provincia di Lecco, 59 dalla provincia di Sondrio e 6677 dalla provincia di Varese, è così ripartito: 4.701.900 euro alla Provincia di Como, 79.246 euro alla Provincia di Lecco, 67.761 euro alla Provincia di Sondrio e 7.668.500 alla Provincia di Varese.
Le risorse, spiega la Regione Lombardia, saranno utilizzate dagli enti assegnatari per la realizzazione, completamento e potenziamento di opere pubbliche di interesse generale volte ad agevolare i lavoratori frontalieri, con preferenza per i settori dell'edilizia abitativa e dei trasporti pubblici. Queste somme, inoltre, potranno essere destinate, nel limite del 30%, al finanziamento di servizi resi e effettivamente fruiti relativi ad opere pubbliche realizzate con fondi di precedenti erogazioni.
"Anche quest'anno le Province beneficiarie delle quote spettanti potranno utilizzare queste risorse per la realizzazione di progetti di alta valenza e definiti nei piani provinciali”, ha spiegato l'assessore agli Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni Massimo Sertori. “Tali progetti sono finalizzati a investimenti sui territori volti a migliorare la qualità di vita dei tanti lavoratori frontalieri. Regione Lombardia – ha concluso - anche attraverso questa importante erogazione di risorse, dimostra il suo sostegno nei confronti di questa categoria di lavoratori e alle problematiche che la riguardano".
Al fine di procedere direttamente all'erogazione delle quote, le Province assegnatarie dei contributi previsti presenteranno entro il termine di 6 mesi dalla data di pubblicazione del presente atto sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia, il provvedimento deliberativo con il quale approvano il piano che contiene il dettaglio della programmazione e la tempistica relativa all'esecuzione dei lavori relativamente ad ogni singolo progetto che si intende realizzare. (aise) 

Newsletter
Archivi