GARAVINI (IV): NEL DECRETO RILANCIO ESTESE MISURE “RESTO AL SUD”

GARAVINI (IV): NEL DECRETO RILANCIO ESTESE MISURE “RESTO AL SUD”

ROMA\ aise\ - "Una notizia positiva per i tanti giovani italiani all'estero che in questa difficile fase post emergenza si stanno chiedendo se rientrare definitivamente in Italia. Nel decreto Rilancio si prolungano e si potenziano le misure “Resto al Sud” introdotte a suo tempo con il Governo Renzi”. A ricordarlo oggi è la senatrice Laura Garavini, Presidente della Commissione Difesa e Vicepresidente vicaria gruppo Italia Viva-Psi.
“La misura – ricorda la parlamentare eletta in Europa – si rivolge a giovani sotto i 45 anni che vogliano fare impresa in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia o nelle aree post terremoto (24 agosto 2016, del 26 e 30 ottobre 2016 e del 18 gennaio 2017). I finanziamenti, in parte a fondo perduto, riguardano le iniziative imprenditoriali legate all'artigianato, all'industria, al turismo, alla pesca e ai servizi (restano escluse professioni e commercio). Per sostenere la liquidità di imprese e autonomi finanziati dall’agevolazione, - spiega Garavini – il dl rilancio prevede un contributo a fondo perduto che ammonta a 15mila euro per le attività di lavoro autonomo e libero-professionali esercitate in forma individuale e 10mila euro per ciascun socio dell’impresa, fino ad un importo massimo di 40mila euro. Queste risorse sono erogabili solo dopo il completamento dei programmi di spesa già agevolati”.
“La misura “Resto al Sud” aveva già dimostrato la sua efficacia, in particolare in settori come il turismo dove aveva fatto registrare elevate adesioni. Si rivela quindi particolarmente utile in questa fase di ripartenza, nella quale – conclude – proprio certi comparti come quello turistico e ricettivo hanno maggiormente bisogno di un sostegno da parte dello Stato”. (aise) 

Newsletter
Archivi