I VOLTI DEL MAECI

I VOLTI DEL MAECI

ROMA – focus/ aise – Il Sottosegretario agli Esteri Ricardo Merlo, delegato dal presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella, ha rappresentato l’Italia alla Cerimonia d’insediamento del nuovo presidente di Uruguay, Luis Lacalle Pou.
Durante il colloquio, Merlo e Lacalle Pou hanno reciprocamente sottolineato l’importanza della vasta comunità italiana residente in Uruguay.
L’esponente del governo italiano ha portato al presidente e alla sua signora il saluto del presidente Mattarella; al ministro degli Esteri uruguaiano, Ernesto Talvi, i saluti del ministro degli Esteri Luigi Di Maio.
Merlo ha anche informato il presidente del fatto che presto la comunità italiana di Montevideo avrà una nuova Sede Consolare, una struttura di oltre 700 metri quadrati, moderna, sicura, con personale qualificato in grado di offrire ai nostri connazionali servizi consolari in tempi dignitosi; quella di una rete consolare forte, efficiente e organizzata, infatti, è da sempre una delle priorità del Sottosegretario Merlo in questa legislatura.
Il Senatore ha inoltre invitato il presidente Lacalle Pou e signora a visitare l’Italia, invito accettato di buon grado da parte della coppia presidenziale: “Il presidente e sua moglie mi hanno detto che amano l’Italia, la nostra storia e la nostra cultura”, ha affermato il sottosegretario a margine dell’evento.
In occasione della cerimonia d’insediamento, Merlo ha avuto modo di incontrare diversi capi di Stati e leader di governo.
Tra questi, il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro: “Il Brasile – ha scritto Merlo su Instagram, postando la foto col presidente brasiliano - è un Paese in cui vivono milioni di italiani. Con il presidente Bolsonaro abbiamo parlato dell'importanza che riveste, a livello culturale, sociale ed economico, la comunità italiana in quel Paese sudamericano. Tra le altre cose, ho annunciato al presidente che presto apriremo un Consolato a Victoria, Espiritu Santo, cosa che gli ha fatto molto piacere e per la quale ha ringraziato il governo italiano”.
Merlo ha avuto l’opportunità, inoltre, di un colloquio con il Re di Spagna, Filippo VI, il ministro degli Esteri della Repubblica Argentina, Felipe Sola, il ministro degli Esteri messicano, Marcelo Luis Ebrard.
Il Sottosegretario ha visitato la Scuola Italiana di Montevideo: “da quest’anno i ragazzi della Scuola Italiana di Montevideo visiteranno anche il Parlamento Italiano”, l’annuncio di Merlo accolto con grande entusiasmo dagli allievi e dalle autorità della scuola.
“I fondi che dedichiamo alla promozione delle nostre scuola italiane all’estero sono un vero investimento per il nostro Paese" ha evidenziato Merlo, accompagnato durante tutti gli incontri dall’Ambasciatore Ianuzzi e nella scuola italiana anche dal senatore Adriano Cario (Maie).
Visita ufficiale in Algeria per il Sottosegretario agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale Manlio Di Stefano che ha incontrato numerosi esponenti del Governo algerino, tra cui i Ministri degli Affari Esteri, dell’Energia, del Commercio Estero, dell’Industria e Miniere. A tutti, riporta la Farnesina, il Sottosegretario ha voluto esprimere innanzitutto il sincero ringraziamento per l’amicizia dimostrata dal popolo algerino verso l’Italia di fronte alla diffusione del COVID-19 e la fiducia nella risposta messa a punto dal Governo italiano.
Al centro dei colloqui, l’organizzazione della quarta riunione del Vertice Bilaterale che si terrà ad Algeri nel corso del primo semestre 2020, oltre che la preparazione della prossima sessione del Dialogo strategico, che avrà luogo a Roma, e di un collegato “Business Forum”.
In ambito regionale, Di Stefano ha affrontato con il Ministro degli Affari Esteri Boukadoum anche il tema del conflitto in Libia, concordando con il suo interlocutore sull’importanza di sostenere gli “sforzi diplomatici messi in campo di recente da entrambi i Paesi a favore di una soluzione politica della crisi libica”.
Infine, il Ministro Boukadoum e il Sottosegretario Di Stefano hanno deciso di istituire una commissione tecnica congiunta per la delimitazione tra i due Paesi delle rispettive aree marittime di interesse esclusivo, secondo i principi stabiliti dalla Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare. Si tratta di un primo significativo passo per raggiungere una soluzione equa e mutualmente accettabile e promuovere ulteriormente le relazioni bilaterali anche in tale settore.
“È importante ribadire ancora una volta – ha affermato il Sottosegretario Di Stefano – che contrariamente alle speculazioni politiche create ad arte in Italia, i nostri interessi marittimi non sono in alcun modo minacciati dall’Algeria, paese amico e predisposto al dialogo. Ci avviamo anzi a definire, di comune accordo con Algeri, una nuova intesa sulla gestione degli interessi comuni nel Mar Mediterraneo”.
La visita si è conclusa il 3 marzo, al termine di una riunione di lavoro che presiederà il Sottosegretario Di Stefano alla presenza delle associazioni imprenditoriali algerine e italiane, in preparazione del prossimo Business Forum italo-algerino.
Il vice ministro agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale, Emanuela Del Re, si è recata il 4 marzo in Sudan per una visita istituzionale, la prima di un esponente del Governo italiano dalla destituzione dell'ex presidente Bashir e dall'insediamento del nuovo governo di transizione di Abdallah Hamdok.
Nel corso della giornata, il vice ministro ha avuto una fitta serie di incontri con le principali cariche dello Stato: il primo ministro Abdallah Hamdok, il ministro degli Esteri Asma Abdallah, il ministro delle Finanze Ibrahim Badawi e il ministro della Salute Akram al-Tom.
Nel corso dei suoi incontri Del Re ha tenuto a riaffermare il sostegno dell’Italia ad un processo di transizione democratico e pacifico, oltre che alla visione del primo ministro Handok che punta sul progresso economico e sociale del Sudan. Il vice ministro ha inoltre espresso apprezzamento per l’attivismo sudanese in politica estera, in particolare per l’importante ruolo che sta rivestendo per la stabilizzazione della regione del Corno d’Africa.
Il vice ministro Del Re ha ribadito che anche l'Italia farà la sua parte, forte di una presenza ultradecennale della Cooperazione allo sviluppo al fianco del popolo sudanese. In campo multilaterale l’Italia rafforzerà l'advocacy nell'ambito del Group of friends of Sudan per facilitare la rimozione del Sudan dalla lista dei paesi sponsor del terrorismo, mentre in ambito bilaterale avvieremo a breve i negoziati per la conclusione di un accordo quadro bilaterale sulla cooperazione allo sviluppo che faciliterà gli interventi italiani a sostegno della popolazione sudanese.
In occasione dell’incontro con il ministro della Salute al-Tom, Emanuela Del Re ha annunciato l’invito a due epidemiologi sudanesi all’Istituto Spallanzani per seguire un training sulle modalità di identificazione del Coronavirus. (focus\ aise) 

Newsletter
Archivi