IIC: COSA VI ASPETTA

IIC: COSA VI ASPETTA

ROMA – focus/ aise - Seconda edizione di "In viaggio con la letteratura. Un viaggio in Italia attraverso le pagine della letteratura italiana", lezioni aperte a cura del professor Gaspare Trapani, che si svolgeranno a Lisbona per iniziativa dell'Istituto Italiano di Cultura presso la Biblioteca della Santa Casa da Misericórdia.
Il calendario delle lezioni aperte prenderà il via il 2 marzo, alle ore 17.30, con l'incontro intitolato "Nella Sicilia verghiana fra i pescatori di Aci Trezza"; seguiranno il 30 marzo "La Ferrara degli altri attraverso Gli Occhiali D’Oro di Giorgio Bassani", il 20 aprile "Di là d’Arno: con Vasco Pratolini tra Le ragazze di San Frediano" e il 18 maggio con l'ultima lezione "Fra i vicoli e i volti di Napoli con i racconti di Anna Maria Ortese".
Le lezioni aperte avranno luogo presso la Biblioteca da Santa Casa da Misericórdia de Lisboa e saranno ad ingresso libero. Occorre però un livello minimo B2 di conoscenza della lingua italiana poiché le lezioni, per un massimo di 25 partecipanti, saranno date in lingua italiana.
"Caravaggio e san Matteo: dall'ombra alla luce. Storia e significato dei capolavori in S. Luigi dei Francesi a Roma" è il tema della conferenza che si terrà giovedì prossimo, 20 febbraio, all'Istituto Italiano di Cultura de La Valletta, a Malta.
La conferenza, che avrà inizio alle ore 18, sarà ad ingresso libero e si svolgerà in lingua italiana, sarà a cura di Sara Magister del Dipartimento di Arte e Storia dell'Arte presso l'Università di Malta, che ha organizzato l'evento insieme all'Istituto Italiano di Cultura.
Nei Vangeli, Matteo è un infame pubblicano, ma Gesù lo chiama. Lui lo segue: sarà apostolo, evangelista, martire. Sedici secoli dopo, nella chiesa di San Luigi dei Francesi, Caravaggio rende la storia di Matteo per sempre attuale: Cristo e la sua luce irrompono in una stamberga di un usuraio del 1600 e lì, tra i trafficanti di denaro, chi è il peccatore che lui chiama? È l’uomo che si volta turbato? O è invece il giovane ancora curvo sui soldi?
Caravaggio coglie il "vero" Matteo nel culmine del dramma interiore, perché è in quella scelta cruciale tra il male e il bene, che ogni uomo, di ogni epoca, può vedere sé stesso.
Nel corso della sua conferenza all’Istituto Italiano di Cultura, Sara Magister illustrerà questi ed altri aspetti del San Matteo di Caravaggio.
Sara Magister è PhD in antichità classiche e anche in storia dell’arte moderna. Da sempre ama intrecciare la ricerca filologica con l’alta divulgazione: nell’insegnamento universitario, nel giornalismo di settore, nel turismo culturale. Ha pubblicato diversi articoli e una monografia per l’Accademia dei Lincei sul collezionismo rinascimentale, per dedicarsi più di recente al Caravaggio. Il suo volume "Caravaggio. Il vero Matteo" (Campisano editore, Roma 2018 - 2° edizione 2020) è stato insignito del premio nazionale "Città Cristologica 2018".
In occasione della Giornata della Commedia dell’Arte, l'Istituto Italiano di Cultura di Tel Aviv presenta un programma di eventi dedicati alla maschera. La serie di iniziative si terrà dal 23 al 28 febbraio tra le città di Holon, Tel Aviv e Gerusalemme.
Ospite della Giornata della Commedia dell’Arte 2020 in Israele sarà l’attore, insegnante e costruttore di maschere Carlo Dalla Costa.
Artista poliedrico con Master Internazionale in Commedia dell’Arte, Carlo Dalla Costa ha preso parte a numerosi laboratori di recitazione dal 2010 ad oggi. Esperto nella lavorazione di cuoio per la costruzione di maschere, attore teatrale ma anche cinematografico, ha partecipato a importanti festival e ha condotto un gran numero di workshop internazionali sulla Commedia dell’Arte.
“Mascherata” è il titolo del laboratorio di costruzione di maschere della Commedia dell’Arte che Dalla Costaterrà domenica 23 febbraio, dalle ore 16.00 alle 20.00, e lunedì 24 febbraio, nello stesso orario, presso il Centro Teatro dei Burattini di Holon. Sempre lunedì, alle ore 10.30, ad Holon ci sarà la conferenza/spettacolo dell'attore “La commedia dell'arte” in inglese e italiano con traduzione in ebraico. I due eventi si svolgeranno sotto la direzione artistica della compagnia teatrale Scapino.
Martedì 25 febbraio, dalle ore 17.30 alle 22.30, sarà il Teatro Hasimta di Giaffa, a Tel Aviv, ad ospitare le celebrazioni della Giornata della Commedia dell’Arte. Aprirà "L’onore del Ministro", nuova commedia della Compagnia Scapino, in cui la satira assume lo stile della commedia dell’arte. Lo spettacolo, in ebraico, si avvale di testo e regia di Barak Gonen, con la consulenza artistica e la drammaturgia di Haim Abud, il design delle maschere di Einat Sandrovich e i costumi e la scenografia di Meirav Nathaniel Danon. In scena gli attori Ella Gopher Abud, Gal Sasson, Hila Gonen, Haim Abud e Barak Gonen. Alle 19.30 si prosegue con “La maschera nella Commedia dell’Arte”: Carlo Dalla Costa terrà una breve conferenza in lingua inglese sulla Commedia dell’Arte e sul profondo significato che essa ha nel mondo teatrale. L’artista coinvolgerà lo spettatore in un viaggio tra le differenti maschere e le molteplici personalità che nel ‘500 popolavano la penisola italiana. Alle 20.15 un ricevimento sul tetto del Teatroe poi alle 21.30 la replica de “L’onore del Ministro”.
Nella giornata di venerdì 28 febbraio Carlo Dalla Costa si sposterà a Gerusalemme, dove il Museo di Arte Ebraica Italiana U. Nahon ospiterà alle ore 10.00 il workshop-spettacolo “Su la maschera!”. Dalla Costa presenterà personaggi tradizionali e maschere autentiche della Commedia dell’Arte dal 1500 ai giorni nostri. Ad ogni partecipante verrà data la possibilità di creare la propria maschera da zero o partendo da una matrice in creta, legno o gesso tra quelle messe a disposizione. (focus\ aise) 

Newsletter
Archivi