IL CONSIGLIO NAZIONALE DEI GIOVANI AD ABU DHABI PER IL WORLD URBAN FORUM

IL CONSIGLIO NAZIONALE DEI GIOVANI AD ABU DHABI PER IL WORLD URBAN FORUM

ABU DHABI\ aise\ - Il Consiglio Nazionale dei Giovani partecipa in questi giorni al World Urban Forum organizzato da UN-Habitat ad Abu Dhabi fino al 13 febbraio, coorganizzando un Networking Event “Women's culture and culture of cities, between tradition and innovation”.
Il WUF 10 mira a realizzare una New Urban Agenda, basata sulle tre dimensioni della sostenibilità - sociale, economica, ambientale - e sulle politiche e le strategie a livello urbano e territoriale che, applicate in contesti diversi, riescano ad includere le prospettive di genere e intergenerazionali.
Organo consultivo del Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale - cui è demandata la rappresentanza dei giovani nella interlocuzione con le Istituzioni per ogni confronto sulle politiche che riguardano il mondo giovanile, istituito con la legge di bilancio 2019 – il Consiglio Nazionale dei Giovani è rappresentato dalla Presidente Maria Cristina Pisani, che interverrà per evidenziare l'importanza dei giovani per la costruzione di città resilienti, capaci di adeguarsi ai cambiamenti climatici, sociali, culturali, economici e strutturali, dai Consiglieri di Presidenza Virgilio Falco con Delega agli Esteri e Vittorio Gattari con Delega alle Riforme, Cooperazione Europea e Mobilità Internazionale e dal Segretario Generale Federica Celestini Campanari.
“L'Assemblea urbana dei giovani al WUF 10 si svolge in un momento complesso per la sostenibilità climatica”, osserva Pisani. “I giovani sono scesi in piazza, a livello globale, contro le governance nazionali e i loro numerosi successi hanno condotto i movimenti giovanili ad essere riconosciuti come parte ufficiale alle negoziazioni climatiche. Questo è stato particolarmente importante nei contesti urbani, anche perché le città sono diventate più giovani, più di tre miliardi di persone di età inferiore ai venticinque anni vive nelle aree urbane ed è stato stimato che entro il 2030 il 60% delle popolazioni urbane avrà meno di 18 anni”.
L'Assemblea dei giovani è, quindi, “uno spazio importante per condividere l'azione giovanile con l'obiettivo di una nuova urbanizzazione sostenibile. Per questo abbiamo deciso di organizzare come Consiglio Nazionale dei Giovani un networking che riunirà le organizzazioni giovanili impegnate nell'innovazione e nello sviluppo urbano sostenibile a livello globale, i governi locali e nazionali, il mondo accademico, la società civile e il settore privato. I giovani sono la vera forza nella lotta ai cambiamenti climatici”. (aise) 

Newsletter
Archivi