IL SALONE DEL LIBRO IN ITALIA E NEL MONDO

IL SALONE DEL LIBRO IN ITALIA E NEL MONDO

TORINO\ aise\ - Il Salone Internazionale del Libro di Torino, in programma dal 14 al 18 maggio Fiere, consolida e rinnova di anno in anno le proprie sinergie con vivaci realtà culturali internazionali per garantire la presenza a Torino di scrittori e scrittrici da ogni angolo del mondo. Tra questi l’Instituto Cervantes, l’Ambasciata di Colombia, il Consiglio Nazionale del Libro e della Lettura del Cile e il Consolato del Brasile.
Ma il Salone va anche in Svizzera grazie a ProHelvetia, ALESI e Babel Festival di Bellinzona; stringe legami con la Japan Foundation di Roma e importanti relazioni con l’Ambasciata di Israele in Italia; rinnova inoltre il suo legame con FILL - Festival of Italian Literature in London. La relazione speciale tra Francia e Italia, Paesi che molto hanno in comune, si concretizza nel rapporto tra Institut français e Salone del Libro.
La collaborazione con la Frankfurter Buchmesse si rinnova nel 2020 per la quarta volta consecutiva. Grazie al Goethe-Institut il meglio della cultura tedesca sbarcherà in città insieme alla delegazione di editori e agenti. Una novità importante: il Salone siederà al tavolo tecnico di Francoforte2023, anno in cui l’Italia sarà il Paese ospite alla Fiera di Francoforte. Il Salone del Libro sarà uno dei partner che lavoreranno alla missione grazie al lavoro del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e del ministro Dario Franceschini.
Nei giorni della fiera sono attesi i finalisti del Premio Strega Europeo il cui vincitore sarà proclamato domenica 17 maggio, e ancora l’incontro tra la giuria e i vincitori del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.
La Romania, da tanti anni al Salone, rinnova la propria presenza grazie all’Istituto Culturale Romeno di Bucarest attraverso il Centro del Libro di Bucarest, l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia e l’Accademia di Romania in Roma.
Le relazioni con le più importanti realtà italiane sono ben salde. Con BookPride, Fiera nazionale dell'editoria indipendente, che sarà presente al Salone; con La Milanesiana di Elisabetta Sgarbi, grande laboratorio di eccellenza di letteratura, cinema, musica, arte, scienza, filosofia, capace di incrociare arti e saperi diversi; con Bookcity Milano, tre giorni (più uno dedicato alle scuole), di incontri, presentazioni, dialoghi; e ancora Fondazione pordenonelegge, la festa del libro con gli autori che dal 2000 anima la città friulana con grandi eventi letterari.
Spostandosi nel Centro Italia si ricorda Bologna Children’s Book Fair (BCBF) - da oltre 50 anni il più importante evento internazionale per lo scambio dei copyright nell’editoria per l'infanzia, nonché immancabile appuntamento culturale atteso a Bologna – che rinnova anche per quest’edizione la sua collaborazione con il Salone del Libro di Torino. Nata con grande successo nel 2017 con il comune intento di promuovere la cultura e la lettura, la relazione tra le due kermesse si concretizza quest’anno nella celebrazione del centenario della nascita di Gianni Rodari. Dopo l’inaugurazione a Portland, le tappe a San Francisco e a Bologna in occasione della Fiera, la mostra Figure per Gianni Rodari: Eccellenze Italiane porta anche a Torino le tavole di 21 artisti che hanno dato la loro personale interpretazione dell’opera di Rodari.
Nuova è invece la relazione con Emilia Romagna Teatro Fondazione (ERT), già concretizzata nell’incontro con Ennio Morricone e Giuseppe Tornatore nel dicembre 2019 all’Arena del Sole di Bologna e nell’arrivo in Italia di Annie Ernaux a maggio 2020. ERT è il teatro stabile pubblico della Regione Emilia Romagna, attivo su una rete di cinque città: Modena, Bologna, Cesena, Vignola e Castelfranco Emilia.
Fondamentale la presenza di Lucca Comics & Games, con cui il Salone del Libro, da ormai tre anni, sta costruendo un percorso culturale di grande rilevanza per indagare le nuove forme di storytelling e le diverse espressioni dei linguaggi narrativi. Lucca Comics & Games è la fiera del settore più importante d’Europa, punto di riferimento globale per ciò che riguarda fumetto, illustrazione, giochi e videogiochi, cinema d’animazione e serie tv. Questi modelli di narrazione, capaci di raccontare la complessità del presente e dei sentimenti umani in modi sempre originali, influenzano e rivitalizzano tutta la cultura del XXI secolo. Lucca Comics & Games si conferma quindi un partner culturale chiave per il Salone di Torino, ruolo che il festival dedicato alle diverse forme di storytelling interpreta con orgoglio, consapevolezza e responsabilità verso la propria community e il pubblico dei lettori che da sempre popola le grandi corsie del Lingotto alla ricerca di nuovi stimoli e linguaggi. A maggio quindi, non solo lo svelamento del poster e del tema dell’edizione 2020, ma anche un programma ricco di incontri, dibattiti e performance per incuriosire e informare, per raccontare nuove storie e scoprire insieme il valore del passatempo umanista all’insegna della crossmedialità, da sempre ispirazione e stella polare del festival, che si svolgerà come sempre tra le mura di Lucca dal 28 ottobre al 1 novembre 2020.
Dall’Emilia Romagna alla Toscana fino alle Marche con Sedendo & Mirando, tre giorni di spettacoli e incontri, nato dal lavoro della Regione Marche, ospite della 32esima edizione del Salone, dell’AMAT – Associazione Marchigiana Attività Teatrali, e promosso nell’ambito di Marche inVita - lo spettacolo dal vivo per la rinascita dopo il sisma finanziato dal MiBACT. Della rassegna è prevista la seconda edizione nel 2020.
Nel 2020 il progetto Adotta uno scrittore compie diciott’anni. Conferma la sua presenza in Piemonte, grazie al contributo dell’Associazione delle Fondazioni di origine bancaria del Piemonte, e porta i più importanti scrittori contemporanei in tutti i tipi di scuole, dalla primaria fino all’università, oltre ad entrare in sei diversi istituti carcerari. Raddoppia, poi, la presenza nelle regioni del Sud Italia, attivando adozioni a Pozzuoli, Salerno, Lecce, Paola, Potenza, Palermo e Alghero, portando il progetto in due scuole e sei istituti carcerari grazie al sostegno della Fondazione Con il Sud. Adotta uno scrittore diventa così, nella sua diciottesima edizione, un progetto nazionale che tocca 8 regioni e supera i 100 appuntamenti.
Infine Palermo con il Premio Letterario Internazionale Mondello, promosso e curato dalla Fondazione Sicilia in partnership con il Salone del Libro e con la collaborazione della Fondazione Andrea Biondo, il cui vincitore, annunciato durante la prossima conferenza stampa, è atteso a Torino per dialogare con il giudice monocratico. Designato quest’anno lo scrittore Marco Missiroli.
Torino è la città del Salone del Libro: tante sono le collaborazioni con importanti realtà del territorio. A due anni dal primo e fecondo incontro tra le OGR – Officine Grandi Riparazioni e il Salone, le due istituzioni torinesi tornano a dialogare tra loro, intrecciando nuovamente letteratura, arti visive e musica attorno a una materia di studio di comune interesse. Nel 2020, le OGR accompagneranno ancora il Salone, proseguendone il percorso di ricerca sul tema dei cambiamenti climatici e delle “altre forme di vita" attraverso due progettualità inedite: un’esposizione multimediale e interdisciplinare — i cui protagonisti verranno svelati solo nei prossimi mesi — che si interrogherà sulla tutela della biodiversità e sulle possibilità di uno sviluppo sostenibile, e un concerto dal vivo di Francesco Bianconi, scrittore e frontman dei Baustelle, che porterà per l’occasione a Torino il suo primo album solista. Il live è proposto e organizzato dalle OGR Torino in collaborazione con il Salone Internazionale del Libro di Torino e Ponderosa Music & Art.
Il Salone del Libro collabora con Biennale Democrazia, Fondazione Merz, Scuola Holden, Museo Egizio, CinemAmbiente, Museo Nazionale del Cinema, Film Commission Torino Piemonte, Politecnico di Torino e Università degli Studi di Torino.
Già citata la Fondazione Collegio Carlo Alberto con cui è stato elaborato il ciclo di incontri Misura per misura, con grandi economisti di fama internazionale. Nata nel 2004 su iniziativa di Fondazione Compagnia di San Paolo e dell’Università di Torino, la Fondazione promuove la ricerca e la didattica nell’economia e nelle altre scienze sociali, nel rispetto dei valori e degli usi della comunità accademica internazionale.
Il Concorso letterario nazionale Lingua Madre, ideato da Daniela Finocchi, quest’anno compie 15 anni, anniversario celebrato con numerose iniziative. Diretto alle donne straniere (o di origine straniera) e italiane che vogliano raccontare l’incontro con l’Altra, si è fatto testimone di una società multietnica e composita, raccogliendo le voci di migliaia di protagoniste del nostro tempo. La premiazione si svolgerà al Salone, dove ogni giorno si terrà un incontro nell’ambito del programma Lingua Madre.
Anche il Premio Fuori! – giunto alla quarta edizione, promosso dalla Fondazione Fuori!, presieduta da Angelo Pezzana – sarà alla 33esima edizione del Salone del Libro. (aise)


Newsletter
Archivi