IL SENATORE GIACOBBE (PD) AL CLUB MARCONI DI SYDNEY PER LA FESTA DELLA REPUBBLICA

IL SENATORE GIACOBBE (PD) AL CLUB MARCONI DI SYDNEY PER LA FESTA DELLA REPUBBLICA

SYDNEY\ aise\ - Il senatore PD Francesco Giacobbe ha partecipato all’annuale incontro del Marconi Club di Sydney per festeggiare la Festa della Repubblica.
All’evento, organizzato dal presidente Vince Foti e dal comitato apposito, che Giacobbe ha voluto ringraziare, sono stati presenti come ogni anno migliaia di italiani. Fra i partecipanti padre Anthony Fregolent, la senatrice Connie Fierravanti Wells, l’on. Guy Zingari, l’on. Hugh McDermott, l’on. Lou Amato, il sindaco Frank Carbone, l’on. Nick Lalic, il presidente della Camera di commercio di Sydney Fabio Grassia, il direttore dell’Istituto Italiano di Cultura Lillo Guarnieri e l'onorevole Nicola Carè, anch’egli eletto con il Partito Democratico in Australia.
Giacobbe si è detto "molto onorato dell'invito" e "di potere essere qui in questo giorno di Festa".
"Oggi è un giorno di celebrazione e di orgoglio nazionale", ha affermato nel suo intervento. "Il 2 giugno 1946 non è solo l’inizio della Repubblica. Dalle macerie della guerra quel giorno è cominciata una storia democratica, di ricostruzione, di crescita civile e sociale. Tante sono state le cadute e le ferite del Paese, superate grazie alla costanza degli italiani tutti, in Italia e nel mondo".
"A volte si avverte più del passato la sfiducia verso la politica e le istituzioni", ha proseguito Giacobbe, "ma la Repubblica ed i principi fondamentali della nostra Costituzione rimangono il nostro punto di riferimento. Non dobbiamo mai dimenticare i valori fondanti perché se messi in discussione possono farci tornare indietro negli anni. Non possiamo permettercelo". Il senatore PD eletto in Australia si è detto "convinto che nuove grandi potenzialità ed opportunità sono aperte davanti a noi".
Quanto agli italiani all’estero, "essere oggi qui al Marconi Club, che rappresenta un'istituzione per gli italiani, alla presenza di tantissimi connazionali, mi dà la spinta giusta per portare avanti le ragioni delle nostre comunità all'estero in seno al Parlamento Italiano", ha affermato Francesco Giacobbe.
"Celebrare il 2 giugno ci permette di rafforzare questo grande legame affettivo con l’Italia", ha continuato. "Naturalmente non ci culliamo sugli allori, teniamo alto il nostro impegno. Dobbiamo tutti ed ogni giorno impegnarci affinché venga riconosciuta la dignità di ognuno e aiutare il nostro Paese Italia nella sua crescita economica e morale".
Ed ancora "principi di accoglienza e di pari dignità, molto cari a noi che viviamo all'estero in una società perfettamente integrata, sono alla base dei valori ispirati dalla Costituzione repubblicana". Come pure Giacobbe ha sottolineato la necessità di avere "rispetto delle vecchie generazioni che sentono ancora di più la lontananza dell'Italia" e nel contempo "tenere alta l'attenzione verso le nuove generazioni affinché queste non perdano i legami di origine. Questo è un lavoro culturale che dobbiamo portare avanti tutti come comunità".
"L'Italia attraverso tutte le sue istituzioni e i suoi rappresentanti è vicina alle comunità all'estero e in questo giorno, mentre celebriamo l'anniversario della Repubblica italiana, aiuta a farci sentire parte importante del nostro Paese", ha osservato il senatore Giacobbe, che ha infine concluso il suo intervento facendo proprie le parole di padre Anthony, il quale, partendo dalla sua esperienza pastorale, ha invitato i presenti a "stare vicino ai più bisognosi. Un monito che, a partire dai politici fino ad arrivare a tutti i cittadini, dobbiamo fare nostro", ha confermato Giacobbe. "Lavoriamo tutti affinché si costruisca un mondo rispettoso soprattutto dei più deboli e bisognosi. Buona Festa della Repubblica. Viva l’Italia! Viva l’Australia!". (aise)


Newsletter
Archivi