ITALIANI NEL MONDO E DOVE TROVARLI

ITALIANI NEL MONDO E DOVE TROVARLI

ROMA – focus/ aise – Tante le iniziative che vedono o vedranno gli italiani protagonisti nel mondo questa estate. Cominciamo con un evento di prossima realizzazione: Si svolgerà dal 9 al 18 agosto la 26a edizione della Settimana Italiana di Montréal, organizzata dal Congresso Nazionale degli italo-canadesi, con la collaborazione dell'Istituto Italiano di Cultura di Montréal.
Da 26 anni la Settimana italiana di Montréal celebra la bellezza e la ricchezza dell’Italia. Dal 9 al 18 agosto, italiani e non italiani si ritroveranno a vivere l’atmosfera gioviale della manifestazione. In programma numerose attività, varie ed affascinanti, che permetteranno al pubblico festivaliero di impregnarsi della cultura italiana: lirica all’aperto, sfilata di moda sotto le stelle, concerti di musica classica e popolare, esposizione di FIAT 500, concorsi di pasticceria e cinema italiano. Sono solo alcune delle proposte per vivere insieme la Dolce Vita! La Settimana Italiana di Montréal è un importante festival culturale che si svolge ogni anno in tutta la città. Più in particolare, la Settimana Italiana di Montréal è un festival sulla bellezza e la diversità d'Italia e permette anche di scoprire la sua cultura musicale, l'arte, la cucina e popolare famose nel mondo. I festeggiamenti della Settimana Italiana di Montréal creano uno spazio interculturale per la discussione, la scoperta e la condivisione tra le diverse comunità culturali. In occasione dell’edizione 2019, la Settimana italiana di Montréal rinnova quest’anno la propria immagine con il lancio del suo nuovo sito web italfestmtl.ca.
Caratterizzato da un design pulito e moderno, al fine di facilitare la navigazione degli utenti di dispositivi mobili, il nuovo sito offre un’interfaccia flessibile con la stessa efficienza su computer, tablet e dispositivi mobili. Realizzato in francese, inglese e italiano, consentirà di essere sempre aggiornati sulle ultime notizie e sulla programmazione completa della manifestazione, per saperne di più sui diversi modi di partecipazione, come sponsor o volontario, e su come contattare l’équipe. L’adozione del nuovo nome, sul sito web, sulla maggior parte dei social media della manifestazione e nelle pubbliche relazioni, anticipa un altro cambiamento: entro il 2020, infatti, la Settimana italiana di Montréal sarà ribattezzata ITALFESTMTL. Passiamo ora a un evento passato, conclusosi proprio due giorni fa, a Genova, dove al Galata Museo del mare si è tenuto dal 27 al 29 giugno il simposio mondiale “Diaspore italiane”, cui ha partecipatp anche la Fondazione Paolo Cresci, che ha presentato il documentario “Italia addio, non tornerò”, prodotto dalla Fondazione stessa. Sempre la scorsa settimana, si è tenuto Il “Junio Italiano”, la rassegna promozionale realizzata dall’Ambasciata d’Italia in Paraguay nel segno della Festa della Repubblica, che è giunto alla sua terza edizione. Uno degli eventi più prominenti dell’intera rassegna, l’opera lirica del compositore italiano Girolamo Deraco “Oceano”, si è tenuta mercoledì scorso alle al Gran Teatro del Banco Central del Paraguay di Asunción.
L’opera, in prima mondiale, è liberamente ispirata al romanzo “Sull’Oceano”, di Edmondo de Amicis, e narra il viaggio verso il Sud America di un gruppo di emigranti italiani alla fine del secolo XIX. Si tratta di un grande progetto, in cui si celebra l’epopea dell’emigrazione italiana in Sud America e in Paraguay in particolare.
La docu-opera è stata realizzata in collaborazione con il Centro Culturale della Repubblica del Paraguay “El Cabildo” e ha previsto l’ampio coinvolgimento delle collettività italiane in Paraguay, che sono state invitate a fornire materiale fotografico sui propri antenati al fine di proiettarlo durante l’Ouverture e in vari momenti dell’opera.
Un omaggio alle migrazioni italiane e al Paraguay i cui interpreti principali sono stati il tenore José Mongelós, il baritono Mathias Barranco, la soprano Alejandra Meza e il coro di Asunción Lírica, preparato dalla Professoressa Kathryn Kasper. Il direttore d’orchestra sarà Diego Sánchez Haase, direttore dell’“Orquesta Sinfónica del Congreso Nacional"; il direttore di scena sarà lo stesso autore, Girolamo Deraco. I bambini delle scuole italiane Dante Alighieri e Santa Caterina avranno un ruolo come comparse e membri del coro. (focus\ aise) 

Newsletter
Archivi