LE VIE DEL COMMERCIO ESTERO

LE VIE DEL COMMERCIO ESTERO

ROMA – focus/ aise - Si è svolto il 21 gennaio, presso l'aeroporto di Dublino, l'incontro tra il Director of Route Development della Ryanair, Niall O'Connor, e la delegazione abruzzese composta dall'assessore regionale al Turismo, Mauro Febbo, il presidente della Saga, Enrico Paolini, ed il direttore Luca Ciarlini.
"Sono state affrontate e definite - spiega l’assessore - le problematiche fiscali derivanti dal contratto di attività promozionale, a seguito del bando del 2017, inerenti l'applicazione dell'Iva intracomunitaria e le relative conseguenze sui pagamenti, che sono stati tutti regolarizzati. Così come sono state chiarite le modalità di rendicontazione da parte della compagnia nel rispetto delle norme comunitarie. Per la prosecuzione della gestione del contratto, la Regione si è impegnata ad individuare una risorsa che svolga il ruolo di gestore in modo da consentire una conduzione senza intoppi. Ryanair a sua volta indicherà una propria risorsa, con l'obiettivo di definire un tavolo tecnico di confronto permanente”.
“La Ryanair - continua Febbo -, come del resto moltissime compagnie aeree, sta attraversando un momento di difficoltà, rispetto ai programmi di sviluppo, dovuto al blocco o al ritardo nella consegna dei famigerati 737 boeing Air max che ha indotto la stessa compagnia a chiudere o ridurre numerose postazioni aeroportuali (Canarie 3 basi, Amburgo, Belfast, Norimberga ecc...e su Girona c'è trasformazione da base annuale a base stagionale). Per cui è necessario sicuramente un aggiornamento da qui ad un mese e comunque dovranno esserne calendarizzati altri incontri al fine di aggiornare le varie programmazioni".
"Inoltre – specifica ancora l'assessore al Turismo – durante l'incontro abbiamo illustrato a Niall O'Connor i piani strategici che la Regione Abruzzo vuole realizzare con l'ambizioso traguardo del milione di passeggeri. Che passa, peraltro, per i progetti programmati di allungamento della pista e altri lavori di ampliamento e sistemazione dello scalo. Il confronto, quindi, si è svolto su dati e rotte da ampliare anche in vista della nuova programmazione 2021-27 dei fondi europei. Pertanto, l'incontro è stato sicuramente fruttuoso e lo scambio di informazioni permetterà già dal prossimo mese di fissare obiettivi importanti. Lo sviluppo del sistema industriale, commerciale e turistico abruzzese passa necessariamente dal potenziamento della infrastruttura aeroportuale ormai già programmato, calendarizzato ed indirizzato verso l'effettiva realizzazione. Infine – conclude Febbo – ritengo del tutto fuori luogo alcune considerazioni relative al luogo dell'incontro in quanto, nell'arco di una sola giornata, Regione Abruzzo e Saga hanno svolto un fondamentale e dirimente incontro con i responsabili della società Ryanair facendo risparmiare all'Ente spese di vitto e alloggio che diversamente sarebbero stati pagati dagli abruzzesi".
Si è aperta mercoledì 22 Gennaio, presso la residenza dell’Ambasciatore d’Italia a Bratislava, Gabriele Meucci, la missione di una delegazione di comuni, enti e consorzi della Sardegna in occasione dell’edizione 2020 della fiera “ITF SlovakiaTour”, la più importante manifestazione della Slovacchia nel settore della promozione turistica.
“La partecipazione degli enti e consorzi sardi, unitamente agli operatori economici, a questa significativa manifestazione - ha dichiarato il diplomatico italiano - costituisce l’occasione per un ulteriore consolidamento dei già fruttuosi legami economici, commerciali e turistici che intercorrono tra il nostro Paese e la Slovacchia e per far conoscere sempre meglio la Sardegna al pubblico slovacco”.
Nel corso della serata, di fronte ad un pubblico qualificato di rappresentanti delle Autorità di governo, istituzioni locali, comunità internazionale e operatori locali del comparto turistico, sono state presentate e valorizzate le eccellenze paesaggistiche, enogastronomiche e culturali della Sardegna. I rappresentanti della delegazione di Sassari hanno inoltre avuto l’opportunità di promuovere la “rete delle grandi macchine a spalla”, patrimonio immateriale Unesco condiviso da quattro città italiane tra le quali anche il comune sardo.
Promozione a Dubai per le imprese pugliesi che producono dispositivi per la diagnostica e la cura della salute. L'occasione è la più grande fiera dedicata al settore healthcare nell'aerea del Medio Oriente e Nord Africa.
Si tratta di Arab Health, in programma a Dubai da oggi a giovedì, negli spazi del Dubai World Trade Centre. Un evento inserito dalla Regione Puglia nel Programma strategico regionale dedicato all'internazionalizzazione proprio per le opportunità che offre sia per la promozione che per la collaborazione con gli operatori internazionali di settore.
La manifestazione che festeggia quest'anno la 45ma edizione, ha cadenza annuale. Il successo è stato crescente negli anni fino ad arrivare, nell'ultima edizione, a 4.262 espositori provenienti da 159 Paesi e 106.972 visitatori professionali e diventare una delle principali vetrine per la presentazione delle strumentazioni e apparecchiature più innovative.
Sarà la Regione – Sezione Internazionalizzazione – in collaborazione con la società regionale in house Puglia Sviluppo, ad accompagnare la delegazione di imprese ad Arab Health.
"Abbiamo assistito in questi anni ad una crescita nelle nuove tecnologie che ha ampiamente investito il settore sanitario - spiega l'assessore allo Sviluppo economico Cosimo Borraccino -. Oggi la Puglia è una vera eccellenza in questo campo con realtà imprenditoriali che possono permettersi di competere col mondo vantando una performance esportativa in questo settore che sfiora i 463 milioni di euro nei primi sei mesi del 2019 e che cresce in modo particolarmente sostenuto per i dispositivi medicali. Per di più il Medio Oriente rappresenta una grande mercato di sbocco per le nostre imprese con un valore delle esportazioni verso i soli Emirati Emirati Arabi Uniti in crescita del 39,4%. Il Medio Oriente inoltre sta facendo rilevanti investimenti nel settore dell'healthcare e lo stesso evento di Dubai attira espositori e visitatori da tutto il mondo. Per questo la manifestazione apre ad opportunità di collaborazione e di promozione per le nostre imprese davvero imperdibili e allo stesso tempo ci permette di valorizzare la Puglia come luogo ideale per gli investimenti".
Le imprese della delegazione pugliese sono Amolab di Lecce, Biomed di Modugno (Ba), Casaluci di Corigliano d'Otranto (Le), Echolight di Lecce e Predict di Bari.
Oltre a disporre uno spazio espositivo personalizzato all'interno dello stand regionale, avranno la possibilità di realizzare incontri d'affari iscrivendosi gratuitamente alla piattaforma di matchmaking, che permette di promuovere il proprio sistema di offerta, individuare potenziali nuovi contatti e fissare un'agenda di incontri.
Altra opportunità di contatti è rappresentata dal Forum Healthcare Infrastructure, un meeting dedicato alle innovazioni nelle infrastrutture a servizio del settore sanitario della durata di 4 giorni che si svolgerà nello stesso Dubai Word Trade Centre. (focus\ aise) 

Newsletter
Archivi