L’EMIGRAZIONE A SCUOLA

L’EMIGRAZIONE A SCUOLA

ROMA – focus/ aise - Carta Adriatica e la Società di Studi Fiumani in Roma hanno presentato lo scorso 8 maggio, presso l’Archivio Museo Storico di Fiume, il volume “Dove andare, dove tornare, saggio di letteratura giuliana e dalmata dell’esodo e della Comunità nazionale italiana oltreconfine”.
Presentato a Bologna lo scorso febbraio nella Sala Stampa di Palazzo d’Accursio, sede della Città Metropolitana di Bologna e in altre sedi istituzionali del territorio, il volume edito da Carta Adriatica, commissionato dal Comune felsineo e dal Comitato ANVGD bolognese, è dedicato ai più significativi autori giuliani e dalmati che dal primo Novecento ai nostri giorni hanno ben rappresentato la cultura letteraria dell’Adriatico orientale, non sempre adeguatamente riconosciuta dalla critica italiana. “Con questo volume – si legge nella quarta di copertina di Dove andare, dove tornare – si vuole dare ancora voce agli autori per i quali l’esercizio della scrittura ha significato il coraggio di difendere la propria persistenza nel tempo. Secolari incroci di popolazioni, contaminazioni di lingue, condivisioni di luoghi, hanno reso quella civiltà letteraria un grande tesoro di esperienze, conoscenze, visioni, che ai nostri giorni restano del tutto attuali”.
E poi i migranti di ieri e di oggi, i migranti siciliani verso le Americhe e quelli che muoiono in mare e leggiamo sui giornali; osservati dal punto di vista degli animali come fossero uccelli migratori o dagli occhi di una bambola in braccio ad una bambina su un barcone; o ancora i migranti di un'intervista ad un leghista a metà tra ironia e satira o dell'Eneide di Virgilio; una lettera alla mamma o al nonno che non ci sono più; i migranti "intrusi" o vittime di violenze e soprusi in un mare che dovrebbe dare la vita e invece "regala... a gran prezzo" la morte.
Sono i migranti pensati, raccontati, vissuti in prima persona dai liceali di Maurolico e La Farina che si sono immedesimati in storie drammatiche quanto vere, con l'obiettivo di vincere la prova letteraria della XVI edizione delle borse di studio Silvana Romeo Cavaleri, istituite dalla famiglia per ricordare una mamma e moglie, dedita al volontariato come dama della Croce Rossa, cui è intitolato l'affaccio sotto il santuario di Cristo Re. Un argomento attuale e complesso sul quale si sono confrontati ginnasio e liceo pronti a elaborare temi, diari, lettere, racconti, saggi brevi, articoli di giornale, poesie, persino "processi": la creatività ha incontrato conoscenze filosofiche e storiche e la commissione giudicatrice ha valutato a lungo i 120 lavori, che sono stati elaborati in tre ore di tempo con tracce segrete fino all'ultimo, alcuni particolarmente lunghi e articolati. La giuria ha assegnato 10 premi e altrettante note di merito; ai vincitori saranno assegnate varie borse che consistono in buoni acquisto di Explorer Informatica e Albertour Viaggi e Turismo.
“Emigrazione nelle scuole. La ricerca delle radici all’Istituto Patetta di Cairo Montenotte” è il tema del seminario – convegno che il Cisei - Centro Internazionale Studi Emigrazione Italiana – ha organizzato il 10 maggio a Genova. I lavori sono entrati nel vivo con la presentazione dell’esperienza dell’Istituto Patetta di Cairo Montenotte a cura del docente Massimo Macciò. Sono seguiti gli interventi di studenti e la proiezione di alcuni risultati della ricerca. (focus\ aise) 

Newsletter
Archivi