#LOSTESSOFUTURO: COMINCIATA LA CAMPAGNA DI MEDICI CON L’AFRICA CUAMM

#LOSTESSOFUTURO: COMINCIATA LA CAMPAGNA DI MEDICI CON L’AFRICA CUAMM

PADOVA\ aise\ - Un futuro più giusto per tutti, #lostessofuturo. È con questo incipit che è cominciata in questi giorni la mobilitazione dell’Ong Medici Con L’Africa CUAMM per chiedere un futuro migliori per gli abitanti del mondo, attraverso una campagna social che confluirà nel meeting del 9 novembre prossimo a Firenze. Un percorso lungo due mesi che ha come obiettivo quello di esprimere la necessità di un futuro da costruire insieme, dove l’Africa possa giocare un ruolo chiave, chiamando alla mobilitazione persone, gruppi e istituzioni per esprimere vicinanza, fiducia e impegno verso un continente troppo spesso dimenticato, visto con diffidenza e temuto.
“Internet e i social ci tengono costantemente connessi gli uni agli altri, non esiste più il vicino e il lontano, ci sembra di essere sempre più uniti - dice Don Dante Carraro, Direttore dell’organizzazione -. E invece le distanze del cuore e della vita aumentano, le differenze si acuiscono e pesano. #lostessofuturo è quello negato per tante donne e bambini in Africa, il futuro che siamo impegnati a costruire e ricostruire ogni giorno sul campo. Un filo rosso spezzato che va riannodato a partire dal nostro impegno personale e quotidiano: solo così possiamo tenerci uniti, stretti gli uni gli altri, il forte al debole, il capace al fragile, il ricco al povero. Solo così costruiremo un unico futuro, lo stesso, e sarà più ricco e bello per tutti. È quello a cui vogliamo dare voce mobilitandoci tutti intorno all’hashtag #lostessofuturo e ritrovandoci insieme a Firenze il prossimo 9 novembre”.
La mobilitazione spinge a farsi una foto con un filo rosso e condividerla sui social con l’hashtag #lostessofuturo. Partendo da ora per arrivare al 9 novembre a Firenze, dove l’Ong invita chiunque appoggi questa campagna all’Annual Meeting del Cuamm. Durante il meeting verranno coinvolti il critico e curatore Sergio Risaliti, direttore artistico del Museo Novecento a Firenze, e l'artista italiana Sissi (Daniela Olivari) che vive e lavora tra Bologna e Londra, vincitrice del Premio Furla nel 2002 e nel 2009. (aise) 

Newsletter
Archivi