MALTA HUB TECNOLOGICO E FINANZIARIO PER LE IMPRESE ITALIANE - DI DOMENICO LETIZIA

MALTA HUB TECNOLOGICO E FINANZIARIO PER LE IMPRESE ITALIANE - di Domenico Letizia

ROMA\ aise\ - Anche quest’anno l’Italia continua ad essere il principale partner economico e commerciale di Malta. Nel solo 2017 l’interscambio bilaterale è stato ampiamente a favore del nostro Paese con un saldo pari a 1,02 miliardi di euro.
La lunga tradizione marittima di Malta, la sua posizione strategica nel Mediterraneo e i suoi porti naturali hanno favorito principalmente lo sviluppo del settore marittimo grazie all’allargamento del registro navale maltese, il più grande d’Europa e uno dei maggiori a livello mondiale. Anche il settore delle riparazioni navali offre una vasta offerta di servizi. Opportunità importanti innanzitutto per le imprese italiane.
Negli ultimi decenni Malta ha orientato il proprio sviluppo industriale verso un’economia basata sull’innovazione e la tecnologia. Sono diversi anni che il governo maltese ha deciso di approcciare in modo organico la problematica relativa alla gestione, nell’economia reale, delle cripto valute, anche e soprattutto rispetto ai rischi di riciclaggio e per le opportunità economiche e commerciali.
Dopo diverse consultazioni pubbliche, il Governo di Malta ha approvato tre leggi che garantiscono un quadro legislativo certo per chi è interessato a scambiare cripto valute su piattaforme accreditate e certificate. Il pacchetto legislativo abbraccia a 360 gradi sia l’aspetto finanziario che quello tecnologico e garantiscono all’utente finale un controllo da parte di un Autorità pubblica super partes la Malta Digital Innovation Authority.
Nell’isola al centro del Mediterraneo, in questi giorni, si sta svolgendo il Malta Delta Summit, ideato come network per promuovere la tecnologia, le opportunità commerciali legate a tale mondo e le piattaforme legali adottate dal governo. La versione 2019 del Delta Summit mira a creare un dibattito globale ampio sulla tecnologia e le imprese, definendo ulteriormente gli sforzi del governo maltese per affermare Malta come nazione pionieristica della blockchain.
Durante i lavori, Joseph F. Borg, avvocato, partner di WH Partners, a capo delle sezioni Blockchain Advisory e professore all’Università di Malta, ha rilasciato un’intervista, ripresa dal portale Malta Business, in cui ha dichiarato: "Malta è sempre stata in prima linea nell’innovazione. Essendo un piccolo Paese, consente ai suoi governi e legislatori di essere più dinamici, reattivi e, quando possibile, propositivi. Malta è riuscita a elaborare il quadro normativo più completo in termini di tecnologia di contabilità decentralizzata e relativi servizi. Abbiamo anche una task force che sta attualmente lavorando su un framework AI".
Interessi che riguardano anche l’Italia. "Possiamo affermare con certezza che, con l’approvazione di queste nuove normative, Malta si candida a diventare leader nel settore per la regolamentazione del settore", ha dichiarato Sergio Passariello, ceo di Euromed International Trade, che sta partecipando ai lavori maltesi. Malta rappresenta oggi un partner strategico per le imprese italiane che vogliono internazionalizzare la loro attività e incrementare il loro sviluppo tecnologico e finanziario. (domenico letizia\aise)


Newsletter
Archivi